Casorezzo. Lo scippatore vuol denunciare il sindaco perchè lo ha fermato. Ecco cosa succederà

Da un articolo del il giorno di questa mattina , veniamo a sapere che l’avvocato dello scippatore catturato a Casorezzo vuol denunciare il sindaco Pierluca Oldani per il suo intervento che ne ha consentito l’arresto in flagranza di reato. L’azione legale è consentita a chiunque, ma dato che si parla di sceriffi, è meglio spiegare che un sindaco ha 2 volte il diritto, anzi, il dovere, di fermare gli scippatori. Una volta come cittadino, e una come sindaco.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Lo scippo , chiamato anche furto con strappo, è, a seconda dei casi, un furto aggravato che può diventare facilmente un reato contro la persona se la vittima riporta delle lesioni, e anche rapina nel caso in cui lo scippatore non desista immediatamente se la vittima, o qualcuno che interviene a sua difesa, resiste allo scippo. L’accusa dipende dal pubblico ministero.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Culture digitali

L’arresto civico che possono effettuare tutti i normali cittadini

In tutti i casi in cui è previsto l’arresto immediato del colpevole, cioè durante la flagranza di un reato che prevede l’arresto, questo può essere effettuato da qualunque cittadino, seguendo determinate regole. Nella Guardia Nazionale, che è una associazione di protezione civile che si occupa di sicurezza e di cui faccio parte, si fanno dei corsi anche per imparare a eseguire gli arresti civici in flagranza seguendo esattamente la legge. Siamo per strada, e ci può capitare, con più probabilità delle altre persone di assistere a reati che comportino il dovere civico di intervento. Questo lo scrivo per sottolineare la mia preparazione sull’argomento.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Art. 383 codice di procedura penale

L’articolo 383 del codice di procedura penale nei suoi due commi prevede che: 1. Nei casi previsti dall’articolo 380 ogni persona è autorizzata a procedere all’arresto in flagranza, quando si tratta di delitti perseguibili di ufficio. 2. La persona che ha eseguito l’arresto deve senza ritardo consegnare l’arrestato e le cose costituenti il corpo del reato alla polizia giudiziaria la quale redige il verbale della consegna e ne rilascia copia.

I reati su cui si può intervenire in flagranza sono elencati nell’articolo 380 dello stesso codice di procedura penale . Nel caso particolare le indicazioni da seguire sono quelle del comma e). Secondo me questi particolari della legge andrebbero insegnati a scuola durante le lezioni di educazione civica. Si risolverebbero tanti problemi che oggi ci perseguitano, e che probabilmente, una volta che tutti ne sono informati, si estinguerebbero da soli.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

impara a cambiare

Ma quale sceriffo! Si tratta di dovere civico

Non si tratta infatti di diventare degli sceriffi, ma si tratta di esercitare un dovere civico. L’arresto vero e proprio, il fermo, lo effettua sempre chi ha la funzione di polizia giudiziaria: i carabinieri, la polizia di stato, la guardia di finanza, i dirigenti della polizia locale nei comuni in cui sono in forze, e il sindaco del paese in cui avviene il reato.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Il sindaco e le sue funzioni in tema di sicurezza

Il sindaco è infatti anche il primo pubblico ufficiale del Comune ed è il responsabile della sicurezza del suo paese. Quindi, quando ferma qualcuno in flagranza di reato lo può fare prima come sindaco e poi come cittadino, e può anche decidere di consegnare lo scippatore al suo dirigente di Pg della polizia locale. Nel caso specifico, inoltre, essendo stato fermato dal sindaco del paese, e avendo tentato di fuggire, se Pierluca Oldani si è qualificato come sindaco ( e penso proprio lo abbia fatto) lo scippatore dovrà rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Questioni di sicurezza

Ho scritto questo articolo perchè non mi piace l’idea che abbia spazio solo chi definisce sceriffo o rambo chi interviene in flagranza per difendere le persone in pericolo. Non è tanto per il sindaco di Casorezzo, che conosce queste procedure a menadito, quanto per il timore che vi sia chi crede che non ci si possa difendere dagli aggressori e dai ladri, e che ladri, scippatori e aggressori si convincano che possono farla franca accusando chi resiste alle loro angherie.

Però, se è vero che tutti i cittadini hanno il diritto dovere dell’arresto civico in flagranza di reato, è anche vero che questo deve essere eseguito bene, all’interno delle leggi, e soprattutto in sicurezza. Ci vuole cioè un certo grado di consapevolezza su quanto si sta facendo e sui rischi che si corrono. I ladri, specie i pregiudicati, hanno imparato in fretta ciò che noi cittadini normali non sappiamo.

In condizioni di calma, lo scippatore, il caino di turno, non va toccato, gli va solo impedita la fuga fino all’arrivo di chi ha la funzione di polizia giudiziaria. Il 112 va chiamato immediatamente. Meglio se, anzi, tutta l’operazione avviene mentre si è in collegamento con gli operatori. Possono essere usati oggetti di costrizione ( ad esempio legature) ma va dimostrato che sono sono di “fortuna”.

Bisogna soprattutto essere in grado di mantenere la calma e la mente libera dalla rabbia, anche durante l’emergenza. L’istinto, la seconda pelle della reazione immediata e giusta, è una dote naturale che tutti abbiamo, però va allenata.

Lo scippatore già libero

Intanto lo scippatore è stato liberato. Non si trova in prigione. Ci andrà in seguito, quando sarà processato. La sua liberazione dipende dal tribunale delle libertà. Un giudice ha infatti considerato che non esiste possibilità di fuga, di inquinamento delle prove, o di reiterazione del reato, e queste sono i tre casi in cui è consentito tenere una persona in prigione prima del processo.

Sulla reiterazione del reato avrei però qualche grosso dubbio sulla saggezza della decisione del giudice delle libertà.. Infatti, subito dopo la liberazione dello scippatore di Casorezzo, ne è apparso un altro, altrettanto violento, a Vittuone. Che sia lo stesso che sta reiterando? Il dubbio è lecito, ma saranno i fatti a parlare.

Ilaria Maria Preti

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.