Aggressioni di capodanno in piazza Duomo. 2 fermi in via cautelare

Milano. Fra i 18 ragazzini identificati e le cu abitazioni sono state perquisite ieri, 2 sono stati arrestati. nelle loro case, come comunicano dalla questura di Milano, sono stati trovate le prove che hanno portato il Pubblico Ministero che sta conducendo le indagini a emettere l’ordinanza di fermo di indiziato nei confronti due ragazzi, entrambi maggiorenni. Uno è stato trovato a Milano e l’altro a Torino.

Pubblicità

Creatilab

Questa mattina la polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano, ha eseguito l’ordinanza. Dopo le perquisizioni domiciliari e personali di ieri, che si sono svolte a Milano, Bergamo e Torino nei confronti di 18 giovani, di cui 3 minorenni, che si suppone siano coinvolti negli episodi di aggressione e violenza commessi ai danni di 9 ragazze. Nelle case dei due giovani nordafricani è stato trovato materiale informatico, probabilmente i video girati durante il “pull up” o dei messaggio scambiati cn altri ragazzi, e i capi di abbigliamento che indossavano la sera del 31 dicembre 2021 in piazza Duomo.

Pubblicità

Culture digitali

Perquisizioni a Milano e a Torino

Uno dei due giovani è coinvolto nella violenza sessuale di gruppo ai danni di due giovanissime donne e nella rapina di una, l’altro nella violenza di gruppo ai danni di quattro ragazze e nella rapina di una di esse. Sono stati fermati in via cautelare, prima del processo perchè il tribunale delle libertà ha considerato che esiste un reale pericolo di fuga per entrambi. Il giovane nordafricano fermato a Milano ora si trova a San Vittore, mentre l’altro è nel carcere di Torino.

Questo è un altro atto delle indagini che porteranno sicuramente ad identificare e punire tutti i partecipanti ai pull up a sfondo sessuale di capodanno. Sicuramente non l’ultimo. Il giusto clamore destato dai fatti, che hanno portato alla luce un fenomeno di cui non ci si è ancora occupati a fondo, non si fermerà fino a che tutti i partecipanti non saranno stati identificati. Penso succederà anche per il caso dei due ragazzi accerchiati e aggrediti in piazza Gae Aulenti, anche se sono maschi.

Pubblicità

impara a cambiare

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui