In gita a veder le Palme in piazza Duomo

Fermo restando che Milano era è e sarà sempre una grande Milano, oggi rimango allibita nel vedere deturpato il salotto buono di Milano : ovvero Piazza Duomo.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

impara a cambiare

Com’è possibile permettere che Piazza Duomo venga “violentata” da manie radical chic? O meglio, da manie modaiole sinistroidi, e sostituire piante autoctone e in sintonia con il paesaggio con banane, palme e baobab? E il tutto per accontentare una catena di intrattenimento internazionale!
Dov’è finito il rispetto e l’ammirazione per i nostri avi che per secoli, con la Fabbrica del Duomo hanno reso grande Milano e il suo simbolo, il “Dom”?
Milanesi, Lombardi svegliamoci e diciamo basta!
Io rivoglio la Milano da bere, dove svettavano la pubblicità dell’Alemagna e del Campari.
Amo la Milano capitale d’Europa e del Mondo che parli tante lingue, ma che su tutte si torni a parlare l’italiano e il lombardo.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Rivoglio l’osso buco e le Madonne che brillano

Rivoglio la Milano degli ambulanti “terun” che negli anni sono diventati di Milano parte integrante. Belli i ristoranti di sushi, ma Rivoglio la trattoria del “Meglio” in via Morgagni dove si mangiavano ossi buchi con risotto e cotoletta, Rivoglio le “Pizzerie Bella Napoli” e meno Kebab. Rivoglio la Milano della vera fiera degli Obei/Obei, non il Suck Arabo dei nostri giorni. Vorrei tornare a sentire il profumo del panettone, delle caldarroste e non di strane spezie.
Vorrei tornare in un bar e ordinare spuma e gazzosa e non intrugli mitteleuropei.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Vorrei risentire le musiche di casa nostra. Che non parlano di scimmie che danzano, ma di “Madonne” che brillano. Sentire ancora l’armonia del saluto al ghisa o all’ofellet. Voglio che alla prima della Scala si canti Verdi, Puccini e Rossini.
Ma vorrei soprattutto che quei tutti, quando ripartiranno, rimpiangano in cuor loro di non essere cittadini di Milano. Un po’ milanesi e un po’ lombardi. Perché Milan l’è un gran Milan.

Donatella Magnoni

Donatella Magnoni

Sono nata ad Abbiategrasso 52 anni fa e vivo a Vermezzo da altrettanti anni. Sposata da 28, ho 2 figli Federica e Marco. Appassionata da sempre di Politica, sono assessore dal 2015 del mio Comune. E dal 2013 Presidente Copagri Milano Monza e Brianza. Sono Appassionata di letteratura, Storia e Sport. Juventina dalla nascita e per sempre. Un'altra mia passione: la mia Lombardia, che amo da Nord a Sud, da Est a Ovest.

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.