San SiroMilano

San Siro. Egiziano accoltellato nella rissa di nordafricani

Ieri alle 18:20 circa, la segnalazione al 112 di una rissa con feriti ha richiesto l’intervento di ambulanze e dei Carabinieri della Stazione di Milano Porta Magenta in via Giacinto Gigante, all’angolo con Piazza Selinunte, la parte malfamata del quartiere San Siro, quella in cui la gente per bene non va nemmeno a prendere il caffè. Pur essendo Milano, l’area fra piazza Selinunte piazza Segesta è da tempo un invivibile e incivile crogiolo di delinquenza nordfricana.

Pubblicità

Ed è qui, in questo territorio strappato alla sovranità milanese, in cui le forze dell’ordine vanno, ma solo a piene forze, che accadono sordidi traffici di droga e di chissà cos’altro. Ieri era uno di “quei pomeriggi”. Durante una rissa con altri nordafricani, un 20enne egiziano è stato colpito al fianco sinistro da una coltellata. Sul posto , oltre ai carabinieri è intervenuta un’ambulanza della Intervol di Milano e un’automedica dell’AAT che , dopo le prime cure sul posto lo hanno trasportato al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Carlo di Milano, in codice rosso. Non è comunque in pericolo di vita.

Pubblicità

Dopo aver comunque disperso con il loro arrivo gli altri partecipanti alla rissa, i Carabinieri della stazione di Milano Porta Magenta stanno effettuando le indagini, raccogliendo testimonianze ed esaminando le immagini delle telecamere, che nel quartiere non sono rare, per ricostruire la dinamica precisa dell’accoltellamento è determinare l’identità e quindi la responsabilità personale di chi lo ha effettuato.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.