CanavesePiemonte

Proteste degli agricoltori anche in Canavese, Piemonte

“Da Caluso a Bruxelles passando per Parigi, gli agricoltori e gli allevatori sono in strada per manifestare tutto il dolore di una categoria che, ormai, si sente vessata dalle politiche dell’Unione Europea.” Comincia con queste parole la presa di posizione di Andrea Cane, consigliere regionale piemontese della Lega,

Pubblicità

“I nostri agricoltori ed allevatori alzano la voce contro il Green Deal e le politiche restrittive, che minacciano una intera filiera che la Lega difende da sempre. Le misure onerose e gli obblighi imposti hanno giustamente mobilitato migliaia di lavoratori al grido di ‘Questa non è l’Europa che vogliamo”: i nostri europarlamentari parlano di un imponente atto di protesta, con oltre 1.300 trattori che hanno paralizzato le strade di Bruxelles, concentrando la loro azione nel quartiere, dove i leader dell’Unione Europea si sono riuniti per un Consiglio europeo straordinario.

Pubblicità

Gli agricoltori gridano il loro No al Green Deal

La manifestazione agricola ha avuto momenti tumultuosi, siamo d’accordo con lo slogan “People of Europe, say no to despotism” (Popoli d’Europa, dite no al dispotismo) ma ci appelliamo a tutti perché la tensione non ceda alla violenza.
La vera necessità di un dialogo costruttivo tra le istituzioni europee e gli agricoltori può sicuramente trovare risposta nel voto di giugno, ed è questo l’appello più utile che mi sento di fare ai tanti agricoltori che oggi si sono riuniti a protestare anche a Caluso”.

Pubblicità

“La Lega a tutti i livelli contesta da anni le miopi politiche europee, che stanno rovinando il futuro di tante famiglie dei nostri territori: continueremo ad essere al fianco dei lavoratori, affinché possano raggiungere l’obiettivo di garantire una filiera che da sempre è fiore all’occhiello del nostro Paese e la rende unica e riconoscibile nel mondo”.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.