Cassinetta di LugagnanoMilano città metropolitana

Chi ha venduto alcool ai ragazzini di Cassinetta di Lugagnano?

Ieri sera, poco prima di mezzanotte, precisamente alle 23.59, alla centrale operativa del 112 è arrivata una segnalazione per alcuni ubriachi che si trovavano in via Lombardia, all’incirca all’altezza del numero civico 16, a Cassinetta di Lugagnano, nell’abbiatense. Sul posto è stata inviata un’ambulanza della Croce Azzurra di Abbiategrasso e un ambulanza della Croce Bianca di Magenta.

Pubblicità

Il recupero degli ubriachi che si sentono male per strada fa parte della routine dei soccorritori del 118, ma questa volta hanno dovuto soccorrere tre ragazzi, uno di 14 anni, uno di 15 e uno dei 19. La presenza dei due minorenni ubriachi ha reso necessario l’intervento anche della radiomobile della compagnia di Abbiategrasso. Dare da bere alcool ai minori di 16 anni è un reato.

Pubblicità

I ragazzi sono stati portati al pronto soccorso dell’ospedale di Magenta alle 01:47 di questa mattina, in codice verde, e consegnati alle cure del personale medico, dove hanno subito i trattamenti tipici per contrastare lo stato di intossicazione etilica, che se è molto forte può portare a danni cerebrali irreversibili o anche alla morte. Anche se più o meno tutti hanno il ricordo di almeno una sbornia giovanile particolarmente nauseante, il fatto che avvenga a 14 e 15 anni è grave.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Tutti i locali pubblici hanno l’obbligo di non vendere alcool ai ragazzini. Non possono comprarlo nemmeno quando vanno a prenderlo per i genitori. È una regola applicata proprio per disincentivare l’etilismo fra i più giovani. Cassinetta di Lugagnano è un paese piccolo e i ragazzini non si spostano di molto. Andrebbe capito chi ha venduto loro dell’alcool, per fargliela smettere in futuro.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.