Prima Pagina

E’ Sant’Antonio. Non chiamate i pompieri se la Lombardia stanotte brucia

Questa notte è la notte di Sant’Antonio e la provincia di Milano avrà la sua rivincita. Godrà di più attenzioni della città. Dalle finestre dei piani più alti si vedrà il riverbero delle migliaia di falò organizzati, come sempre da millenni, per la notte di Sant’Antonio dei purscell.

Pubblicità

I fuochi sono il modo con cui si festeggia la fine dell’inverno. In Lombardia, proprio nel periodo tradizionalmente più freddo e ghiacciato, il calore dei fuochi di frasche vecchie dà l’energia per lavorare al nuovo anno produttivo. Una tradizione di cui è impossibile fare a meno. Quindi se vedete i bagliori dei fuochi in lontananza, questa sera, ricordatevi che è il 17 gennaio, la notte di Sant’Antonio, e non chiamate i vigili del fuoco.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Le innovazioni di Sant’ Antonio

  • Sant'Antonio. E' Sant'Antonio. Non chiamate i pompieri se la Lombardia stanotte brucia - 17/01/2024

Le innovazioni tecniche hanno portato a produrre salami e prosciutti tutto l’anno, ma tradizionalmente il 17 gennaio era l’ultimo giorno utile per uccidere i porcelli e confezionare i numerosi tipi di salumi della cui produzione la Lombardia è ricca. In questa settimana, in particolare la domenica prima si Sant’Antonio, si benedivano gli animali della fattoria: asini, buoi, mucche, galline e tutti gli altri.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Oggi la benedizione si dà a i trattori, che li hanno sostituiti nelle arature e nella lavorazione della terra. In tutti i comuni della Lombardia questa sera ci sarà almeno un falò acceso, una festa in piazza, e varie iniziative per festeggiare la rinascita della primavera. Non esiste infatti innovazione senza la vitalità della tradizione.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.