ParabiagoMilano città metropolitana

Scacco matto a Parabiago: I carabinieri bloccano truffa in flagranza di reato. Sventato il tentativo di intercettazione telefonica della banca

Ieri pomeriggio, verso le 13:30, in via Mameli a Parabiago, una pattuglia dei Carabinieri della compagnia di Legnano hanno sorpreso in fragranza un pregiudicato italiano di 50 anni mentre trafficava con una cabina contenente la centralina pubblica del sistema di telecomunicazioni. Lo sportello della cabina era aperto e alcuni fili erano collegati a delle linee telefoniche di una borchia con allegata una batteria esterna e un telefono cordless. Il cinquantenne vi stava maneggiando.

Pubblicità

la scala Rho b&b

I carabinieri lo hanno fermato e hanno effettuato i controlli per accertare i suoi permessi all’accesso alla centralina. Il suo nome è risultato estraneo a qualsiasi attività legale che potesse avvenire all’interno di quell’armadio, che serve alla derivazione delle linee telefoniche. I militari hanno quindi condotto l’uomo nella caserma per ulteriori accertamenti e avvisato la società di telecomunicazioni proprietaria della cabina. Questa ha riscontrato la manomissione degli impianti e rilevato alcuni collegamenti arbitrari ad una specifica linea telefonica in uso ad un vicino istituto di credito. Le apparecchiature rinvenute sono state ovviamente sequestrate.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Cosa stava facendo il 50enne?

La nota diffusa dai carabinieri su questa vicenda è naturalmente prudente perché le indagini sono in corso. Quindi non specifica in modo chiaro quali potessero essere le intenzioni del 50enne. Infatti, avendolo preso in flagranza mentre stava collegandosi alla linea telefonica della banca, gli hanno impedito di fare quello che aveva programmato. Non gli hanno, cioè, permesso di portare a termine il reato, e quindi l’accusa nei suoi confronti può essere quella solo di cognizione, interruzione, impedimenti o illeciti, di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche. Lo hanno, insomma, accusato di un tentativo di intercettazione delle telefonate.

Pubblicità

Una cosa simile successa a Dairago

Essendo però noi dei giornalisti e avendo in redazione una certa esperienza di casi simili sì può buttare lì l’ipotesi che i carabinieri abbiano interrotto il 50enne mentre, assieme a dei complici, stava perpetrando un tentativo di truffa. Era già successa una cosa simile a Dairago nel febbraio 2022. Infatti questa tipologia di intercettazioni delle linee telefoniche delle banche avvengono quando qualcuno sta controllando la solidità di un assegno circolare emesso per pagare qualche bene di lusso, in genere gioielli di grande valore. In questi casi , prima di consegnare il bene di lusso, il venditore chiama la sua banca che, a sua volta chiama al telefono la Banca emittente dell’assegno per controllare se dietro quella striscia di carta c’è davvero del denaro.

E’ a questo punto che interviene il telefonista che si collega alla centralina più vicina alla banca emittente e, quando arriva la chiamata della Banca del venditore, la intercetta e risponde al posto dell’operatore confermando l’esistenza di Fondi che in realtà non ci sono. Così il venditore viene tranquillizzato dalla sua banca e consegna il bene di lusso all’acquirente che ha circa 24 ore di tempo per sparire nel nulla prima che la truffa sia scoperta. Essendo ieri venerdì, il truffatore avrebbe avuto tutto il weekend per far perdere le proprie tracce. I carabinieri hanno però rotto loro le uova nel paniere, in flagrante pescando il pregiudicato con le mani nella marmellata, cioè nella centralina.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.