CalvairateMilano

Milano: muore ciclista 37enne. Incidente fatale in viale Umbria, indagini in corso

Milano si sveglia oggi con il peso dell’ennesima tragica morte di un ciclista investito. Nella notte tra martedì 9 e mercoledì 10 gennaio, un uomo di 37 anni ha perso la vita, investito e ucciso da un’auto lungo il viale Umbria, a nord di piazzale Lodi. La chiamata alla centrale operativa del 112 è arrivata alle 2,38 della scorsa notte.Purtroppo, nonostante l’intervento immediato di due ambulanze della Croce Oro e della Misericordia e di un’automedica, è stato possibile solo constatare il decesso a causa delle gravi ferite riportate.

Annunci

Purtroppo, nonostante l’intervento immediato di due ambulanze della Croce Oro e della Misericordia e di un’automedica, è stato possibile solo constatare il decesso a causa delle gravi ferite riportate.

Annunci

cambiamenti. Social journalism

I due ragazzi a bordo dell’auto una ragazza di 25 anni e un ragazzo di 22 anni, sono anche loro rimasti feriti nell’incidente e dopo le cure mediche sul posto sono stati trasportati al pronto soccorso del policlinico di Milano. hanno subito chiamato i soccorsi dopo l’incidente. Entrambi sono stati medicati sul posto, riportando ferite ma non gravi.

Annunci

Rilievi e indagini

Le indagini sull’incidente sono ora affidate alla polizia locale di Milano, che ha effettuato i rilievi sul posto. Ulteriori dettagli saranno disponibili una volta che la polizia locale rilascerà la relazione ufficiale sulle cause e le dinamiche, ma non si può fare a meno di notare che da quando è aumentato il numero di piste ciclabili a Milano è aumentato anche il numero di incidenti gravi che hanno coinvolto dei ciclisti. I monopattini, invece, sembrano spariti dalla cronaca, forse a causa dell’ obbligo assicurativo e di utilizzo del casco.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.