CasarileMilano città metropolitana

Sparatoria a Casarile. L’ albanese aveva la pistola fumante nella lavatrice e centinaia di proiettili. I dettagli

Nelle prime ore del mattino di ieri, il 9 gennaio 2024, a Casarile, in provincia di Milano, dopo che alcuni condomini avevamo segnalato una sparatoria, i Carabinieri della stazione di Binasco sono accorsi in forze in un condominio sulla strada statale 35. Arrivati sul posto i militari hanno individuato subito i bossoli e i segni dei colpi sparati ad altezza uomo. Alcuni avevano colpito la porta a vetrata dell’ingresso dell’androne del condominio. Sono quindi facilmente risaliti alla presenza, nel palazzo, dell’abitazione di un pregiudicato per rapina albanese, di 39 anni, dal cui appartamento parevano verosimilmente partiti i colpi.

Pubblicità

La canna calda e fumante

Infatti, durante la perquisizione dell’appartamento, i carabinieri hanno trovato, all’interno del cestello della lavatrice, una pistola calibro 9×21, ancora “fumante”, dalla canna ancora calda, e carica. Nell’appartamento c’erano anche due caricatori pieni e una scatola di munizioni calibro 9, in tutto all’incirca un centinaio di proiettili, detenuti illegalmente. La pistola è risultata rubata nel 2020 a San Giuliano Milanese.

Pubblicità

La sua spiegazione

Secondo quanto ha raccontato lui stesso ai carabinieri, il 39enne si sarebbe messo a sparare, 3 colpi, nell’androne del condominio per respingere dei presunti intrusi che avevano cercato di entrare in casa sua.

Pubblicità

L’albanese, che nell’appartamento vive solo, è stato quindi arrestato in flagranza per il reato di detenzione abusiva di arma da fuoco ed esplosioni pericolose, mentre è stato denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione. Le indagini su quanto successo, sono affidate i carabinieri della compagnia di Binasco, e sono ancora in corso.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.