Sesto San GiovanniMilano città metropolitana

Sesto San Giovanni. Ancora il Monossido di carbonio. Fa più stragi del terrorismo. 1 donna e 3 bambini intossicati

Un altro grave caso di intossicazione da monossido di carbonio. Questa volta è successo in un appartamento di Sesto San Giovanni. I Vigili del Fuoco del distaccamento di Sesto San Giovanni sono intervenuti ieri, domenica 3 dicembre, nel tardo pomeriggio, in un appartamento di via Pirandello 20.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Una madre e i suoi tre figli sono stati ricoverati al pronto soccorso dell’ospedale di Niguarda, in codice giallo, e per tutti è stato necessario il trattamento in camera iperbarica. I tecnici del Vigili del fuoco intervenuti sul posto al momento dell’emergenza hanno riscontrato il malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento, che ha causato l’accumulo del gas nell’appartamento e la conseguente intossicazione.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Sul posto è intervenuto anche il nucleo NBCR dei Vigili del Fuoco, insieme al personale dell’ATS, che ha provveduto a porre sotto sequestro l’impianto difettoso. Un altro episodio di grave intossicazione dal monossido di carbonio, e un’altra strage sfiorata, che sottolineano l’importanza della manutenzione regolare degli impianti di riscaldamento e la necessità di monitorare attentamente eventuali segnali di malfunzionamento.

Pubblicità

Morire nel sonno per il monossido di carbonio

Ogni anno, agli inizi dell’inverno si registrano diversi casi e sono molte le persone che rischiano inutilmente la vita. Evitare di morire intossicati dal monossido di carbonio è infatti facile: basta prevedere un buco, una presa d’aria, nelle stanze in cui vi è una combustione di qualsiasi tipo, che sia gas metano o gpl, oppure legna o altri materiali. Per avvisare che gli ambianti si stanno saturando, inoltre, c’è un piccolo sensore, che costa pochi euro, in grado di segnalare la presenza del pericolosissimo gas.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.