Marcallo con CasoneMilano città metropolitana

Sgombero rom a Marcallo con Casone: espletato a “Regola d’arte”

Questa mattina alle 7.11 è iniziato lo sgombero dei rom che si erano ristabiliti in via Cavour a Marcallo con Casone, sotto al ponte dell’autostrada, nella località fra Menedrago e Casone, nell’area già confiscata agli stessi dallo Stato. Sul posto ci sono carabinieri, polizia di stato, polizia locale, i Vigili del fuoco, e un’ambulanza della croce Azzurra, per ogni evenienza. Lo sgombero è eseguito a regola d’arte. (Foto di repertorio )

Pubblicità

Nello sgombero di oggi sono state allontanate 12 persone, 5 maggiorenni e 7 minorenni . Hanno varie nazionalità, nonostante siano appartenenti ad un unico nucleo familiare. Alcuni hanno la cittadinanza italiana, altri sono serbi, ce ne sono alcuni con nazionalità olandese e altri francese. Dopo l’allontanamento forzato, gli immobili sono ora a disposizione dell’Agenzia dei Beni Confiscati alla criminalità organizzata” che si occuperà della messa in sicurezza, della pulizia e del ripristino delle condizioni di conservazione del luogo.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

La villa abusiva e le altre installazioni che erano state costruite dagli occupanti entrano con tutti i diritti a fare parte del patrimonio dello Stato e il comune di Marcallo con Casone, o altri enti sociali, potranno chiederne l’uso in comodato gratuito per effettuarvi attività sociali. Sarà un modo per restituire alla comunità quello che i rom si sono portati via dalle case di tutto i comuni circostanti. L’unica attenzione che bisognerà avere nelle prossime ore sarà quella che gli sgomberati non trovino un altro posto per accamparsi, o non tornino lí, per continuare a danneggiare l’ambiente, la sicurezza e la tranquillità degli abitanti onesti con il loro modo di vivere contrario ad ogni legge e diritto.

Pubblicità

La storia di quel campo rom con Villa e delle battaglie del Comune di Marcallo per il rispetto della legalità dura da molti anni. Anche lo scorso luglio vi era stato uno sgombero conseguente ad un decreto di confisca a conclusione della lunga vicenda giudiziaria. Erano state allontanate circa un centinaio di persone. Ma alcuni che conoscevano la posizione del rifugio erano probabilmente tornati e oggi si è conclusa l’operazione di acquisizione concreta e di allontanamento degli ultimi “abitanti”. Il Comune di Marcallo è da tempo in contatto con l’Agenzia dei Beni Confiscati alla criminalità organizzata” nella cui disponibilità c’è ora anche la terra e la villa, e sta valutando le varie opzioni d’uso.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.