AbbiategrassoMilano città metropolitana

Battesimo per l’ambulanza ATAZSU 130.01A1 di Ata Soccorso

Ieri mattina Ata soccorso di Zelo Surrigone ha festeggiato la nascita di Omar, che è venuto al mondo con l’aiuto dei soccorritori dell’ambulanza ATAZSU 130.01A1. Così, come da tradizione, l’ambulanza ha ricevuto il suo battesimo tradizionale, che avviene quando una squadra assiste felicemente alla nascita di un bimbo. Erano le 7. 32 quando dalla centrale operativa del 112 chiamano il centralino di Ata soccorso e inviano un’ambulanza in codice giallo alla stazione ferroviaria di Abbiategrasso.

Pubblicità

Parte ATAZSU 130.01A1 e quando i soccorritori arrivano sul posto trovano una donna egiziana di 35 anni sdraiata per terra sulla banchine dei di arrivo dei treni. Le si erano rotte le acque a fine gravidanza, mentre era in viaggio. I soccorritori la caricano velocemente sull’ambulanza. E’ il suo terzo bimbo e il parto potrebbe essere veloce. Mentre è in corso il travaglio arriva la comunicazione da India, nome in codice dalla centrale operativa che sceglie il pronto soccorso in cui inviare le ambulanze. All’ospedale Fornaroli di Magenta son pronti ad accoglierli in codice giallo.

Pubblicità

Quando i soccorritori arrivano all’ospedale di Magenta sono inviati immediatamente al reparto di ginecologia. La mamma è sulla barella, ma non ce la fa più. Non è più in travaglio, il bambino sta proprio arrivando. Dal reparto di ginecologia li inviano quindi direttamente in Sala Parto. Non ci arrivano. Omar viene al mondo pochi metri prima della porta, in corridoio, sulla barella dell’ambulanza, con l’assistenza dei soccorritori e del personale dell’ ospedale. Omar e la sua mamma stanno bene, e i soccorritori erano emozionatissimi. Veder nascere un bambino è una gioia immensa. Anche per l’ambulanza che ha così conquistato un fiocco azzurro. La mamma e il bimbo, saranno presto dimessi e raggiungeranno la loro casa, a Mortara.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.