Prima Pagina

L’Itis Alessandrini e la situazione di Abbiategrasso

Abbiategrasso. La professoressa Elisabetta Condò insegna lettere e storia ed è l’insegnante che questa mattina è stata aggredita da uno dei suoi studenti. L’ha colpita con un coltello a doppia lama seghettata, probabilmente comperato su internet. Aveva anche una pistola per soft air, un giocattolo, comunque abbastanza realistico da incuterete paura. Il ragazzino abita a Boffalora Sopra Ticino. Di lui si può dire poco, è minorenne. Però si può intuire che il gesto che ha compiuto è l’esternazione di un profondo malessere e di una incapacità, magari momentanea, di reagire in modo razionale a una situazione di grande stress emotivo.

Pubblicità

In una situazione simile parlare di vittime e carnefici è difficile. Chiaramente chi ha avuto il danno peggiore è stata l’insegnante che è stata ferita. Anche i ragazzi della seconda AL sono delle vittime, per la paura che hanno provato. Ma da come è raccontata la storia e da quanto viene alla luce in queste ore non si può definire l’alunno come un carnefice. Da quanto si è venuto a sapere da varie fonti, fino a poco tempo fa Elisabetta Condò insegnava le scuole medie e passando alle scuole superiori aveva ritrovato nelle sue classi alcuni suoi ex allievi. Il ragazzo in questione però non sembra essere uno di questi.

Pubblicità

L’elemento scatenante dell’aggressione sembra essere stata in una convocazione dei genitori dal preside e in una interrogazione andata male, un’insufficienza in una materia importante, e in ogni caso molto difficile per molti ragazzi di oggi, che sono passati alle scuole superiori senza avere la necessaria preparazione alle scuole medie e anche alle scuole elementari.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Prima trattati come bambini piccoli, che non possono capire concetti difficili, e poi all’improvviso trattati come deficienti perché non capiscono quegli stessi concetti che è stato loro negato di acquisire. Il preside della scuola dichiara che il sedicenne fino a qualche mese fa aveva buoni voti, ma i genitori erano stati convocati a scuola perchè vi era stato un peggioramento comportamentale e didattico. Avrebbero dovuto presentarsi il giorno seguente. Uno strano e improvviso cambiamento, anche per un adolescente. Da alcune fonti di corridoio si è saputo che la professoressa Condò si era lamentata, e aveva segnalato, l’atteggiamento di un suo ex alunno. Si parla dello stesso ragazzo? non lo sappiamo ancora

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.