Stazione centraleMilano

Stazione Centrale. È finita la tranquillità

Lunedì 24 aprile i carabinieri del nucleo radiomobile sono intervenuti in via Settala Milano, zona stazione centrale, per una rissa tra extracomunitari, segnalata al 112 da un cittadino. Non era però la solita rissa fra malviventi. Dopo aver sedato la rissa i carabinieri hanno ricostruito i fatti che la hanno generata. Tre extracomunitari, due gambiani di 35 e 25 anni, e un maliano di 42 anni avevano rapinato un operaio nigeriano 42 anni, regolare sul territorio, mentre quest’ultimo era in sella alla sua bici.

Pubblicità

la scala Rho b&b

La vittima aveva in mano una banconota da 50 euro, che doveva cambiare in moneta più spiccica per consumare qualcosa al bar, quando i tre lo hanno aggredito e gli hanno strappato il denaro dalla mano facendolo cadere dalla bicicletta. Il nigeriano si è alzato e ha raggiunto gli aggressori per cercare di recuperare i propri soldi ma questi tre delinquenti lo hanno aggredito con una violenza irrefrenabile, e lo hanno ferito al volto con una forbice, sfregiandolo.

Pubblicità

A quel punto però in zona Stazione Centrale sono arrivati i carabinieri evitando delle conseguenze peggiori. I militari hanno trovato sequestrato le forbici. Uno degli aggressori attentato di nascondere un sasso utilizzato per picchiare la vittima. Un altro Invece impugnava uncinetto appuntito. Tutti e tre sono pregiudicati per rapine spaccio di stupefacenti e sono stati arrestati e portati in camera di sicurezza dai carabinieri.

Pubblicità

L’operaio nigeriano è stato soccorso dai sanitari del 118, ma non possiamo dirvi di più sui danni che gli sono stati causati perché la regione Lombardia, con l’assessore Guido Bertolaso, ha impedito ai giornalisti l’accesso al portale Real Time del 118.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.