Stazione centraleMilano

Carabinieri. Caccia all’uomo in stazione Centrale

I carabinieri hanno lanciato questa mattina la notizia di star attivamente ricercando 2 nordafricani che la scorsa notte, alle 2:52, hanno accerchiato e aggredito, colpendolo alla testa, un 30enne del Camerun, per portargli via 250 euro in contanti.

Pubblicità

il poveretto è stato soccorso dai sanitari di un’ambulanza di Padana emergenza e portato al pronto soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano. Fortunatamente le sue condizioni non sono gravi ed è il codice verde.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Nella stessa serata è sempre nella zona della Stazione Centrale un bengalese di 33 anni è stato rapinato del portafoglio e del proprio smartphone. Data la situazione della zona, per identificare i colpevoli di queste due aggressioni i carabinieri hanno organizzato già nella notte un servizio ad alto impatto, identificando numerosi soggetti acquisendo diversi filmati della videosorveglianza stradale e che potrebbero aver ripreso i colpevoli delle due rapine.

Pubblicità

Che la situazione della sicurezza nella zona sia difficile è chiaro anche dagli ultimi episodi più eclatanti del solito.
Da mesi i carabinieri questi servizi che chiamano “ad alto impatto”, per arginare la violenza e le rapine, identificando più persone possibile.

Lo scopo è quello di dare un nome a tutti i frequentatori della zona in modo da non lasciarli come invisibili. Vi è un altro particolare importante. Molto spesso questo genere di rapinatori che si è insediato negli anfratti dei dintorni della Stazione Centrale preferisce colpire gli stranieri, perché pensano che siano meno propensi a denunciare le angherie e i soprusi di cui sono state vittime.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.