Rapper e Pull up. Arrestati 3 rapper

Milano e i rapper. La scorsa primavera ed estate, principalmente in piazza Vetra e alle colonne di San Lorenzo, ma anche in altre zone della città, imperversavano i rapinatori da strada che in gruppo picchiavano e rapinavano altri ragazzi tramite la pratica conosciuta dai giovani come Pull up. Oggi cominciano a maturare le indagini di quegli episodi tanto tragici. E salta fuori che i colpevoli, ora in carcere, sono dei rapper, dei cantanti.

Pubblicità

Almeno 4 rapine

A finire in carcere con un provvedimento in via cautelare è il rapper 20enne Z.M. e mentre il 18enne S.D. e il rapper marocchino 20enne A.E.Z. sono stati posti, sempre in via cautelare, agli arresti domiciliari. Le indagini sono state effettuate dai carabinieri della Compagnia di Pioltello e dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura di Milano. Si tratta di 3 rapper abbastanza famosi. Baby Gang, Samy e Neima Ezza . Baby Gang era già destinatario di un daspo willy lo scorso agosto.

Pubblicità

Infatti le rapine di cu i 3 sono accusati hanno visto l’interventi dei due corpi delle forze dell’ordine. Pioi sono confluite in un unico procedimento processuale. Una volta riuniti, la lettura dei fascicoli ha consentito di ricostruire i fatti e dimostrare che gli arrestati, avevano avvicinato le vittime si facevano consegnare i loro beni facendosi forza della superiorità numerica e delle minacce. I luoghi sono Milano e Vignate (Mi)

In 3 casi erano avvenute a maggio alle colonne di san Lorenzo e in piazza Vetra, in una situazione molto difficile. Le vittime erano state colpite con pugni al petto e con schiaffi prima di essere derubate. delle rispettive collanine d’oro. A luglio 2021, infine, a Vignate (MI) due persone erano state avvicinate da due giovani, di cui uno armato, che avevano rubato loro denaro, auricolari e le chiavi dell’auto perché non li seguissero. Sono in corso ulteriori accertamenti per l’individuazione di eventuali complici e per valutare il coinvolgimento degli indagati in analoghi episodi delittuosi verificatisi nell’area.

Pubblicità

impara a cambiare

L’esecuzione dell’ordinanza di misura cautelare è avvenuta a Milano e a Sondrio, da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, coordinati dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Milano, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano dr.ssa Scudieri su richiesta del PM dr Lesti. Sono in corso ulteriori accertamenti per l’individuazione di eventuali complici e per valutare il coinvolgimento degli indagati in analoghi episodi delittuosi verificatisi nell’area metropolitana del capoluogo milanese.

Rondò da Sosa

Il rapper Rondò da Sosa non è coinvolto in questa storia, però è sospettato di essere il mandate del tentato omicidio di un altro rapper 24k, che è stato ferito la settimana scorsa a san Siro. Il suo nome appare in alcune intercettazioni telefoniche.

Pubblicità

Milano a maggio 2021

La situazione di Milano dal punto di vista della sicurezza era già quella di oggi, ma si era a ridosso delle elezioni amministrative milanesi e i tentativi di nascondere la testa sotto la sabbia erano molti. Le cose succedono, ma finora che non si riesce a raccontarle sui giornali è come se non fossero successe

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui