TurroCrescenzagoMilanoMilano città metropolitanaViale Monza

Turro. Quasi gli staccano il naso con i cocci di bottiglia

Verso la 1 di questa notte, in via Stamira d’Ancona, zona Turro, a Milano, durante una collutazione fra due persone, un uomo di 20 anni ha quasi staccato il naso di un 21enne, P.C.A.O. usando come arma dei cocci di bottiglia.

Pubblicità

Sul posto sono accorsi, dopo una chiamata al 112, un’auto medica dell’ATT di Milano e un’ambulanza con i soccorritori della SOS di Sesto San Giovanni, oltre ad una volante della polizia di Stato. Secondo quanto diffuso dall’agenzi di emergenza e urgenza, il 21 enne aveva un trauma facciale con esposizione delle ossa nasali. Una situazione molto delicata che può determinare un pericolo di vita. infatti l’uomo è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale di Niguarda, dove opera un’equipe specializzata in traumi gravi e gravissimi. L’altro contendente non ha avuto bisogno di cure mediche.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Questa notte a Turro, ieri a Crescenzago e questa mattina in viale Monza

La parte della Milano percorsa da viale Monza e viale Padova è molto “vivace”, ma negli ultimi tempi i casi di cronaca nera sembrano aumentati. Anche ieri sera a Crescenzago un altro caso di coltelli e tagli, e questa stessa mattina, alle 6, vi è stato un altro intervento di una volante della polizia e di un ambulanza in soccorso di un uomo e di una donna di 21 anni che sono stati aggrediti. I due sono stati portati al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli, in codice verde.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.