Prima PaginaMilanoVillapizzone

Ferrovieri Trenord aggrediti con il machete a Milano

Milano. Un macchinista e un capotreno di Trenord sono stati aggrediti da un gruppo di 4 o 5 extracomunitari di probabile origine sudamericana, armati di machete, nella stazione del passante ferroviario di Trenord a Villa Pizzone, alle 21.30 di questa sera. Il gruppo avrebbe aggredito i ferrovieri perchè avevano loro chiesto il biglietto del treno. Gli extracomunitari si sarebbero rifiutati e ne sarebbe nato un diverbio. A quel punto uno degli aggressori ha estratto il machete e ha aggredito il macchinista e il ferroviere, di 31 anni, corso in suo aiuto.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Il macchinista ha rischiato di perdere il braccio, tranciato quasi di netto dagli aggressori. E’ stato ricoverato in codice rosso all’ospedale di Niguarda, e operato d’urgenza. Nella serata si era sparsa la notizia che l’uomo aveva perso il braccio. Questa mattina, invece, i medici che hanno compiuto la delicatissima operazione chirurgica nella notte hanno dichiarato di essere riusciti a salvare l’arto.

Pubblicità

L’altro ferroviere, colpito alla testa, è stato ricoverato per trauma cranico all’ospedale Fatebenefratelli. Le sue condizioni sono gravi. Sul posto sono intervenute due ambulanze e un’automedica, insieme agli agenti del 113. Gli aggressori sono riusciti a fuggire. Due di loro, uno dei quali sporco del  sangue dei feriti, sono stati fermati dalla polizia quasi subito dopo l’aggressione e portati in questura per essere interrogati. Si cercano gli altri complici. Non si sa ancora se il machete sia stato ritrovato o se si trova nelle mani di altri complici.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Lo shock di Milano è grande: è la seconda volta

Nonostante si sia in piena notte, sono già giunte le prime dichiarazioni. Sconvolto, Matteo Salvini ha lasciato un ultimo messaggio su Facebook a commento della notizia della terribile aggressione. “Ma in che cazzo di mondo sbagliato vogliono farci vivere??? Io non mi arrendo, le cose cambieranno. Notte amici”. Dopo pochi minuti il segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi scrive sempre su Facebook: “Ma dove cazzo stiamo finendo ?! Un capotreno ha perso un braccio: è stato aggredito a colpi di machete da Immigrati. E questo Governo di M… Ha fatto 5 leggi Svuotacarceri e continua a far arrivare #clandestini”. (Foto di Cory Doctorow su flickr)

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Un pensiero su “Ferrovieri Trenord aggrediti con il machete a Milano

  • Avatar photo Anton Giulio Brogi

    Dunque, ad uno di questi ferrovieri hanno dovuto amputare il braccio.
    A me non me ne frega un cazzo di passare da nazista o da “troppo di destra”, e non me ne frega un cazzo perché nazista non lo sono, li ho sempre odiati, mentre “parecchio di destra” si, me ne vanto e lo sanno tutti. Però penso che a differenza dei nazisti che certa gente la mettevano nei forni da morti, questi ci andrebbero messi da vivi. Certo a meno che non siano come qualcuno (sottolineo qualcuno e non tutti!!) di quei “poveracci” che arrivano coi barconi, perché quelli invece guai, sei proprio un fascistaccio di merda se li domonizzi; questi sono sudamericani, chissà cosa cazzo si inventeranno per giustificarli.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.