OssonaMilano città metropolitana

Piazza Litta a Ossona. La notte fanno sesso sugli scalini della torre civica, nonostante il freddo proibitivo e le condizioni igieniche inesistenti

Nelle notti del venerdì e del sabato sera Piazza Litta, a Ossona, è infernale, e si fa anche sesso in pubblico. I problemi li subisce però chi spera di recuperare, nel week end, le ore di sonno perse in settimana alzandosi presto per andare a lavorare. C’è gente che gioca a calcio fino al mattino, macchine che corrono tra le vie come se fossero sull’autodromo di Monza, petardi e fuochi d’artificio scoppiano nel mezzo della notte e la droga, comprata al boschetto di Casorezzo, scorre a fiumi, così come la birra e i super alcolici.

Pubblicità

Ed è proprio in questi ambiti di fatti, strafatti, e di ubriachi fino all’impossibile, che è maturata la scena che mi hanno descritto qualche giorno fa, dopo che il danneggiamento dell’Auto della Guardia Nazionale ha mosso qualche coscienza e dopo che i meno terrorizzati hanno iniziato a parlare. Già, perchè certi frequentatori notturni di piazza Litta minacciano costantemente i residenti che, brave persone ma con il timore di essere poco protetti e di non poter far niente per difendersi, stanno zitte.

Pubblicità

Alcuni di questi residenti mi hanno raccontato che, qualche giorno dopo aver trovato una cacca umana dietro la torre, hanno assistito loro malgrado ad un rapporto sessuale fra due persone, uomo e donna, che, nudi nonostante il freddo pungente, facevano sesso usando come appoggio gli scalini della torre civica. Gemiti e urletti si sentivano da lontano. Era notte avanzata, quasi mattina, ma la piazza non era deserta e i testimoni sono stati parecchi. Alcuni perchè non potevano dormire per il rumore, altri perchè intenti a rompere le scatole a chi avrebbe davvero preferito dormire.

Pubblicità

Non ci si scandalizza ormai più di nulla, e se va bene a loro far sesso in quelle condizioni, va bene più o meno a tutti. Però, siccome faceva davvero un freddo cane e la presenza di escrementi umani e animali non garantiva certamente l’igiene che la pratica richiede, la cura delle polmoniti e delle infezioni che si saranno presi, e per cui andranno dal medico e al pronto soccorso, diventano sicuramente un costo sociale, a carico della comunità, e questo infastidisce ulteriormente le persone che fanno sesso, e la cacca, in modo discreto e pulito, a casa loro.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.