CuggionoMilano città metropolitana

Polemiche a Cuggiono. Santo Cielo cancellato dal programma del cinema dell’oratorio

A Cuggiono, su decisione del parroco e sicuramente anche del consiglio pastorale, è stata cancellata la proiezione di Santo Cielo, il film di Piccone e Ficcarra, dal programma di film proiettati nella Sala della Comunità. Il film doveva essere proiettato il 13 e il 14 gennaio. E’ infatti considerato blasfemo da molti cattolici perchè prende pesantemente in giro la nascita di Cristo e la sua venuta sulla terra. Racconta infatti la storia di un uomo mandato da Dio per riportare Cristo sulla terra e che per sbaglio mette incinta un uomo. La cancellazione del film è stata commentata sui social.

Pubblicità

Come riferito anche da Malpensa News il film è da alcuni definito blasfemo, e da altri una riscrittura superficiale del Vangelo, mentre la commissione di valutazione film della CEI lo definisce “complesso, superficiale-brillante”, indicandolo per un pubblico adulto. Non esattamente quindi il film che può essere proiettato in un cinema comunitario dedicato ai film educativi e per famiglie, come sono quelli scelti per la programmazione di un cinema parrocchiale senza provocare reazioni. Può infatti creare diversi imbarazzi sia nei bambini, sia fra le persone sensibili, sia fra le persone LGBT di fede cristiana che si troverebbero messe in mezzo senza colpa.

Pubblicità

Lo staff della Sala della Comunità

La notizia della cancellazione è stata data dallo staff della sala della Comunità di Cuggiono con un messaggio sui social con queste parole: “Lo Staff della Sala della Comunità, su segnalazioni arrivate al Parroco e da lui condivise, si è adoperato, seppure non condividendo totalmente le valutazioni, ma in ottica di reciproca collaborazione e rispetto dei ruoli, ad annullare la proiezione del film SANTOCIELO di Ficarra e Picone inizialmente in programma il 13 e 14 gennaio 2024.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.