LainateMilano città metropolitana

Lainate. 43enne fermato dai carabinieri per tentato omicidio e rapina a Lainate

Nella notte fra il 3 e il 4 gennaio, i Carabinieri del Norm della Compagnia di Rho e quelli di stanza alla stazione di Lainate hanno catturato e fermato un 43enne italiano, con precedenti penali, accusandolo di tentato omicidio e rapina aggravata.

Pubblicità

Attorno alle 23:00 del 3 gennaio, in via Pagliera, a Lainate, l’uomo ha attaccato e colpito con cinque fendenti al petto un 67enne italiano, causandogli delle gravi ferite. Quindi gli ha preso il giubbotto contenente il portafogli e il telefono cellulare. Poi è fuggito. Alcune persone hanno chiamato la centrale operativa del 112, che ha inviato sul posto i carabinieri, un’ambulanza e un’automedica. poi, vista la gravità delle ferite hanno deciso di inviare anche un elicottero del 118. Dopo le prime cure, la vittima è stata trasportata in elicottero al proto soccorso dell’ospedale di Varese, in codice rosso. La sua prognosi è tutt’ora riservata ma non è più in pericolo di vita.

Pubblicità

I carabinieri hanno iniziato subito le indagini. L’analisi delle immagini degli impianti di videosorveglianza presenti nella zona supportate dalle testimonianze raccolte sul luogo hanno permesso una rapida identificazione del rapinatore. Il 43enne è stato identificato e rintracciato nella sua abitazione qualche ora dopo i fatti. Aveva evidenti segni di ferite alla mano.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Ha ammesso la propria colpevolezza, era di fronte all’evidenza, e ha consegnato un coltello a serramanico, indicandolo come arma del delitto. L’ispezione successiva nel luogo indicato dal 43enne ha portato al ritrovamento, sotto una siepe, del giubbotto, del portafoglio e del telefono della vittima. E’ stato quindi arrestato e, dopo la formalizzazione delle accuse di tentato omicidio e rapina aggravata, è stato condotto al carcere di San Vittore.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.