ComoCronaca LombardiaMilanoStazione centrale

Como.Arrestato 43enne con un chilo di MDPV. Sorpresa dall’Olanda durante la perquisizione

Questa storia sulle consegne della percolosa dro è iniziato a Milano, alla stazione di Porta Garibaldi, quando gli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato Garibaldi Venezia di servizio in Stazione Centrale hanno notato un SUV bianco che da diversi giorni passava nella zona e aveva il tipico comportamento dello spaccio: diversi passaggi regolari dagli stessi posti, fermate brevi, l’autista spesso al telefono. Lo hanno fermato in via Zuretti verso le 13.30 di ieri.

Pubblicità

la scala Rho b&b

A bordo del SUV c’era un uomo di 43 anni, residente a Como e nell’auto c’erano 270 grammi di Metilenediossipirovalerone (MDPV), una pericolosa droga di sintesi. Parte della droga era nel bagagliaio e parte nella tasca portaoggetti del sedile posteriore dell’auto. Addosso all’uomo sono stati trovati 400 euro in banconote di taglio diverso.

Pubblicità

Visto il particolare e ingente ritrovamento è stata disposta la perquisizione domiciliare, nell’appartamento di Como.  Qui è stato trovato un bell’emporio. C’erano altre due confezioni di MDPV, pesanti complessivamente oltre 4 etti, 5 grammi di hashish, una dose di marijuana, materiale per il confezionamento, due bilancini, un frullatore, 3.700 euro in contanti e  una pistola scacciacani priva del tappo rosso. Tutto è stato sequestrato

Pubblicità

La sorpresa. Arriva il corriere

Mentre era in corso la perquisizione dell’appartamento, qualcuno ha suonato il citofono. Era un corriere che doveva consegnare un pacco. Inutile dire che i poliziotti lo hanno ritirato a nome del 43enne. All’interno c’erano 247grammi di MDPV appena arrivati dall’Olanda. Cosí ora la polizia conosce anche il nome del mittente. Amsterdam ha colpito ancora.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.