NervianoMilano città metropolitana

Abbandono di rifiuti pericolosi al sottopasso di Nerviano. Identificato l’autore. I dettagli dell’operazione

La polizia locale del comando unico Nerviano – Pogliano ha identificato il responsabile del grave smaltimento illegale di 7 fusti di rifiuti pericolosi a Nerviano, concludendo così una indagine complessa e cruciale. Le sostanze, risultate poi essere olio per motori e solventi industriali, sono state scaricate lo scorso maggio in diverse zone, tra cui Via dei Boschi, Via Primo Maggio, e nei pressi del sottopasso di Cantone.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Subito dopo la scoperta, l’ intervento immediato di una ditta specializzata ha permesso di campionare le sostanze e analizzarle, classificandole come rifiuti pericolosi. Grazie alle prime informazioni raccolto e alle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza che hanno ripreso alcuni dei momenti dell’abbandono, si è risaliti al veicolo, un furgone, e ad un pezzetto della targa, successivamente identificato come appartenente a una società di noleggio. Le immagini hanno mostrato l’uomo che, dopo aver aperto i portelloni del furgone, ha accelerato bruscamente e ha disperso i 7 fusti da 200 litri pieni delle pericolose sostanze nelle tre diverse zone della città.

Pubblicità

Ulteriori indagini hanno condotto all’identità del noleggiatore, residente a Busto Garolfo. Chiamato dalla polizia locale a presentarsi, è andato al comando ma non è riuscito a fornire delle informazioni sulla persona che ha effettuato lo scarico. In seguito a riconoscimenti fotografici, l’autore del reato è stato individuato, aveva sulle spalle dei precedenti di polizia. ed era quindi inserito nello sdi ( sistema digitale interforze).

Pubblicità

Quando è stato convocato al Comando per la notifica degli atti, l’indagato però non si è presentato, ed è quindi iniziata la procedura di ufficio per l’ordinanza di arresto. Infatti l’abbandono di rifiuti pericolosi è un reato penale grave che prevede l’arresto in flagranza e una condanna al carcere Le accuse comprendono il reato previsto dal testo unico ambientale e la mancata ottemperanza a un ordine dell’autorità.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.