PubbliredazionaliEconomia e lavoro

Energia. Fine del mercato tutelato. Approvato il decreto e fissate le scadenze

Con l’approvazione del decreto energia durante la riunione del Consiglio dei Ministri lo scorso 27 novembre, si è definitivamente chiuso il capitolo del mercato tutelato in Italia. A differenza degli anni precedenti, non è prevista alcuna proroga: il passaggio al libero mercato dei contratti di luce e gas sarà inevitabile e entrerà in vigore il prossimo 10 gennaio. Questa decisione smentisce le voci di uno slittamento di 6 o 12 mesi, che erano state ventilate in precedenza. La scadenza è ora fissata, e i consumatori avranno tempo fino a Gennaio 2024 per il gas e Aprile 2024 per l’energia elettrica per abbandonare il mercato tutelato e aderire al mercato libero.

Pubblicità

Entro queste date, gli oltre 20 milioni di utenti italiani che attualmente si trovano nel mercato tutelato dovranno prendere una decisione e accedere al mercato libero dell’energia, scegliendosi un distributore. Questa transizione segna una fase significativa nel panorama energetico italiano e richiederà un’attenzione particolare da parte dei consumatori per scegliere le opzioni più vantaggiose e adatte alle proprie esigenze.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Chi non si adatterà e non sceglierà nessuno dei numerosi fornitori di elettricità e gas non resterà senza energia, ma passerà automaticamente al sistema di maggior tutela, che è il fornitore creato appositamente per salvaguardare il diritto costituzionale ad avere la luce e il gas. E’ il fornitore cui sono passati automaticamente i contratti degli utenti insolventi e ha dei costi decisamente più altri rispetto a quelli dei fornitori del libero mercato.

Pubblicità

Cosa fare e come valutare

Si consiglia, quindi, a tutti gli utenti che hanno vecchi contratti di informarsi attentamente sulle nuove opzioni disponibili nel mercato libero e di prendere decisioni informate prima delle scadenze indicate. Ci sono moltissime offerte, ma bisogna fare molta attenzione a scegliere quella più adatta al proprio caso. Il costo unitario non è la sola discriminante da considerare e ci sono parecchi modi di amministrare il proprio approvvigionamento di luce e gas. Tra le varie offerte, ad esempio, c’è anche una offerta completamente gestibile da computer o da smartphone che permette di azzerare il costo della bolletta tramite un sistema ingegnoso di scontistica. Se volete saperne di più questo è il link da seguire.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

2 pensieri riguardo “Energia. Fine del mercato tutelato. Approvato il decreto e fissate le scadenze

  • Gentilissima Sig.Petri, in merito al suo pregevole articolo sulla Energia/Gas, leggo con vivo piacere la fine del mercato tutelato con eventuale passaggio al mercato di maggior tutela…Chiedo venia, ma le chiedo : Lei rilegge le cose che scrive prima di spostarle!!? SEMBREREBBE DI NO.

  • Beh, considerati gli errori che fa, sicuramente lei non rilegge prima di postare i commenti. Mi permetta quindi di dubitare che abbia letto e compreso l’articolo, non fosse altro perché non è riuscito a comprendere il mio cognome…

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.