Porta VittoriaMilano

Infortunio sul lavoro al tribunale di Milano. Piastrelle sulla testa

Infortunio sul lavoro al palazzo del tribunale di Milano. È successo lunedì pomeriggio, poco dopo le 15, e ha coinvolto un’addetta alle pulizie di 44 anni che si trovava nei bagni del Palazzo di giustizia di Milano, in via Freguglia. La donna, mentre stava svolgendo il suo lavoro nei bagni destinati al pubblico dell’ufficio GIP, al settimo piano, è stata colpita da alcune piastrelle che si sono staccate dalla parete.

La vittima è stata investita da circa una decina di mattonelle che le hanno causato ferite, escoriazioni e un trauma cranico. Le piastrelle sono cadute direttamente sulla testa della signora, che stava pulendo.

È stato richiesto l’intervento del 112 e il personale sanitario dell’ambulanza è arrivato in tribunale. La donna è stata medicata sul posto, ma considerati i giramenti di testa e la nausea che lamentava, è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Città Studi. Il suo arrivo è stato registrato alle 16.10. Fortunatamente, nonostante la gravità dell’incidente, le sue condizioni non sono considerate preoccupanti.

L’episodio solleva ovviamente degli interrogativi sulla sicurezza strutturale del palazzo del tribunale e sulla manutenzione degli ambienti destinati al pubblico. Anche perchè è proprio in quel palazzo che si celebrano i processi e si determinano le responsabilità penali e civili per gli infortuni sul lavoro. Sembra un paradosso ma ora le autorità competenti indagheranno per determinare le cause del distacco delle piastrelle e valutare eventuali responsabilità legate alla manutenzione di quello stesso edificio.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.