Prima PaginaMondoPolitica

Lotta alla criminalità organizzata transnazionale. Eurojust e Nigeria siglano un accordo di collaborazione

Eurojust, l’agenzia europea per la cooperazione giudiziaria in materia penale, e il procuratore generale della Nigeria, Lateef Olasunkanmi Fagbemi, hanno firmato ieri un accordo di collaborazione, che aprirà la strada a una cooperazione più strutturata e stretta nella lotta contro i gruppi della criminalità organizzata (OCG). Inoltre, consentirà l’istituzione di un ufficio di Eurojust in Nigeria, migliorando la comunicazione fra paesi e facilitando l’esecuzione più rapida delle richieste di cooperazione giudiziaria da entrambe le parti. La Nigeria diventa così il primo paese dell’Africa sub-sahariana ad avere un accordo ufficiale con Eurojust.

Pubblicità

La firma dell’accordo è avvenuta all’Aja, nella sede di Eurojust, durante una conferenza di due giorni sulla criminalità organizzata transnazionale che agisce tra l’Africa occidentale e l’Europa. L’occasione ha riunito le autorità giudiziarie e di polizia di otto paesi dell’Africa occidentale, oltre a numerose autorità nazionali già rappresentate nell’agenzia. L’evento è stato organizzato in collaborazione fra l’Ufficio per la lotta alla droga e il crimine (UNODC) delle Nazioni Unite e l’istituto internazionale Siracusa per la giustizia penale e i diritti umani.

Pubblicità

Il presidente di Eurojust, Ladislav Hamran, nelle sue dichiarazioni ha sottolineato l’importanza dell’accordo e della crescente necessità di cooperazione internazionale. “Mentre la dimensione internazionale della criminalità organizzata continua a crescere, la firma odierna di un accordo di collaborazione con la Nigeria offre un’ulteriore base per rafforzare la nostra cooperazione. È quindi di primaria importanza per l’Europa e andrà sicuramente a vantaggio di entrambe le parti.”

Pubblicità

Il procuratore generale della Nigeria, Lateef Olasunkanmi Fagbemi, ha sottolineato l’importanza dell’ accordo per migliorare la cooperazione nella lotta alla OCG, affermando: “Lavoriamo insieme per esplorare soluzioni innovative, migliori pratiche e nuove partnership. La nostra forza collettiva e la nostra determinazione sono le chiavi per fare davvero la differenza.”

La criminalità organizzata che coinvolge sia la Nigeria sia i paesi europei, chiamata anche Mafia nigeriana, si è evoluta negli ultimi due decenni, diventando sempre più violenta, sofisticata e transnazionale. Questo accordo di lavoro mira a stabilire una cooperazione più strutturata e a lungo termine per affrontare la crescente minaccia alla sicurezza. L’accordo prevede disposizioni per lo scambio di informazioni strategiche e la comunicazione con il punto di contatto, nonché disposizioni sulla protezione dei dati. L’accordo è entrato in vigore immediatamente dopo la firma.

Pubblicità

Chissà. potrebbe anche essere la fine, fra le tante cose come lo sfruttamento della prostituzione , del traffico di droga e di armi, anche delle truffe romantiche tramite internet che, come tutti ormai sanno da anni, sono perpetrate da persone che si trovano in Nigeria, dove esistono delle vere e proprie webfarm il cui scopo è quello di truffare anziani e altri soggetti deboli che vivono in Europa.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.