GratosoglioMilano

Duplice tentato omicidio all’oratorio di via Saponaro, a Milano: arrestato con gravi accuse il 17enne che mancava all’appello

Nel pomeriggio del 9 ottobre 2023, i Carabinieri della Compagnia Milano Porta Magenta hanno compiuto un significativo passo avanti nelle indagini sul caso del duplice tentato omicidio al centro d’accoglienza “Casa della Solidarietà” sito a Milano, in via Saponaro n. 40. Un 17enne italiano è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale per i minorenni di Milano.

Pubblicità

Le indagini, condotte dalla Stazione Carabinieri Milano Gratosoglio, avevano già portato all’arresto di un giovane italiano il 13 settembre, oltre al deferimento in stato di libertà di ulteriori 3 complici maggiorenni (due italiani e uno albanese). Sono tutti sono sospettati di essere coinvolti nel grave episodio.

Pubblicità

I dettagli dell’incidente risalgono alla sera del 19 luglio 2023, quando al campo da calcio dell’oratorio della parrocchia di Santa Maria Madre della Chiesa, in via Saponaro 28, il giovane di 17 anni insieme ad almeno altri 4 complici aveva minacciato il Direttore del centro d’accoglienza, intervenuto in difesa di un minore straniero non accompagnato ospite della struttura. L’aggressione è stata violenta, con l’uso di un coltello e di un bastone, causando lesioni potenzialmente letali al Direttore e a un operatore. Quel giorno tra il centro di accoglienza e l’oratorio successe di tutto e non tutti i fatti che collegano diversi episodi sono stati resi noti.

Pubblicità

L’arrestato, già noto alle autorità per numerosi precedenti, è stato trasferito al carcere minorile Beccaria e resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria competente.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.