GambaraMilano

Baby gang. 7 Arresti per una rapina violenta

Un baby gang di ragazzini egiziani ha aggredito e picchiato una coppia di 18enni italiani per derubarli. Hanno colpito brutalmente a pugni all’addome la ragazza. Sono stati arrestati dai carabinieri poco dopo, in una situazione ricca di tensione. 3 minorenni sono al Beccaria, gli altri 4 maggiorenni da poco, si trovano a San vittore. Sono tutti accusati di rapina aggravata in concorso.

Pubblicità

La notte del 14 settembre intorno all’1:30, 7 nordafricani hanno perpetrato una brutale. rapina segui una coppia di 18enni italiani è salita su un autobus notutturno sostitutivo della metropolitana rossa, alla fermata della stazione di Cadorna. la baby gang composta da 7nordafricani era seduta in fondo all’autobus. Quando i ragazzi son scesi alla fermata di Gambara, li hanno seguiti.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Poi li hanno circondati e aggrediti . Il più giovane, un 16enne, è stato spinto dagli altri a strappare la felpa del Milano che la vittima aveva con sè. Alcuni degli altri hanno iniziato a frugare nelle tasche e hanno preso la borsa della ragazza, complendola all’addome con diversi violenti pugni. Dopo aver preso la borsa della ragazza e il cellulare e il portafoglio del ragazzo, sono fuggiti con il magro bottino di 40 euro.

Pubblicità

Pochi attimi dopo è passata una radiomobile dei carabinieri. Le giovani vittime li hanno fermati raccontando cosa era loro successo. Sul posto sono stati raggiunti da un’ambulanza del 118. I sanitari li hanno visitati, ma i ragazzi hanno rifiutato il trasporto in ospedale riservandosi di presentarsi poi da soli in pronto soccorso per farsi refertare. Le preoccupazioni sono soprattutto per la ragazza, che ha ricevuto dei forti colpi in una parte estremamente delicata del corpo di una donna.

I ragazzi hanno potuto fornire alcuni particolari che hanno aiutato i carabinieri a identificare il gruppo. Avevano infatti notato che uno degli aggressori aveva capelli ossigenati mentre un altro indossava una felpa con inserti fluorescenti. La pattuglia dei carabinieri li ha intercettati in via Olivieri. Erano ancora tutti insieme. I carabinieri hanno chiamato i rinforzi e fermato la baby gang. Hanno utilizzato tutte le metodologie possibili per prendere tempo e tenere impegnata la baby gang per quella decina di minuti necessari ad essere raggiunti da altre pattuglie. Hanno controllato i documenti, fatto loro delle domande Fino all’arrivo degli altri carabinieri che hanno circondato la baby gang.

Pubblicità

Capaci di fare i bulli e picchiare le ragazzine sulla pancia, quando si sono trovati circondati dai militari armati, i baby rapinatori hanno letteralmente calato le braghe, ammesso quello che avevano fatto, consegnato i 40 euro rapinati al ragazzo e indicato dove avevano buttato la borsa, il cellulare e il portafogli. Non è raro che questo tipo di delinquenti si metta anche a piangere, una volta in caserma. Le baby gang son spesso liquide, casuali, si formano nella serata, ma i componenti raramente agiscono insieme più di una volta.

I 7 sono stati arrestati e portati incaserma , dove sono stati identificati compiutamente. sono tutti egiziani e con precedenti di polizia. 3 sono minorenni: uno, quello che ha strappato la felpa del Milan, ha 16 anni e gli altri due ne hanno appena compiuti 17. Dopo l’identificazione sono stati portati nel carcere minorile Beccaria di Milano. Gli altri 4 sono maggiorenni. Uno ha 20 anni, e gli altri tre hanno compiuto i 18 anni da pochi mesi. Ora si trovano nel carcere milanese di San Vittore.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.