DuomoMilano

Galleria Vittorio Emanuele. Cancellato il tag scarabocchio. Vicina l’identificazione dei vandali

Giá questa mattina gli imbianchini chiamati d’urgenza dal Comune di Milano, sotto la necessaria supervisione delle Belle Arti, hanno cancellato il brutto tag scarabocchio che aveva danneggiato la galleria Vittorio Emanuele a Milano.

Pubblicità

Intanto continuano le indagini per identificare i 3 vandali che lo hanno effettuato. La stessa scritta è stata documentata fotografata e pubblicata sui social alla stazione ferroviaria di Tolosa. Per gli investigatori è stato piuttosto semplice trovarla. Una volta inserita l’immagine nei motori di ricerca, questi hanno segnalato quelle simili.

Pubblicità

Attualmente infatti si parla di pista francese per l’ identificazione dei tre writer che non appartengono a nessuno dei gruppi conosciuti. La Digos esclude la matrice politica che sia di destra o di sinistra, o ambientalista, e lo stile e la mancanza di rispetto del codice etico dei writer, oltre alla mancanza di stile nello scarabocchio, escludono writer importanti. Anche l’obiettivo non è quello tipico dei writer, che preferiscono generalmente dipingere le loro opere su treni o comunque in luoghi che non hanno un valore storico e artistico.

Pubblicità

La tag era 1€4a7, somiglia più a una password piuttosto che a un nome. In ogni caso le numerose telecamere Piazza del Duomo hanno molte immagini dei momenti prima e dopo il danneggiamento che sono al vaglio della polizia locale di Milano, incaricata delle indagini, e si sussurra che l’identificazione dei tre writer sia solo questione di ore.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.