Quartiere MazziniMilano

Truffa agli anziani: napoletani ci riprovano con il falso incidente al figlio, ma la vittima è salvata dalla squadra Mobile di Milano

Meercoledì 26 luglio , intorno alle 13, gli agenti della 6^ Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” della Squadra Mobile di Milano stavano transitando in auto in piazzale Gabrio Rosa. Hanno notato un ragazzo che, con atteggiamenti sospetti, guardandosi continuamente intorno, scendeva dal lato passeggero di una vettura parcheggiata, indossava velocemente una mascherina chirurgica, e si dirigeva verso un condominio di via Montemartini. Intanto il conducente dell’auto da cui era sceso il ragazzo, prendeva il telefono e cominciava a parlare. Anche il ragazzo stava parlando al telefono e era facile intuire che i due stessero parlando fra di loro.

Pubblicità

Il naso da segugio dei poliziotti li ha indotti a tenere d’occhio la situazione seguendo con la massima attenzione i due, ma in modo molto discreto. Il più giovane è entrato in un condominio di via Montemartini, che dà su piazzale Gabrio Rosa. Dopo alcuni minuti, gli agenti hanno visto uscire dallo stesso condominio il ragazzo che, sempre con il viso nascosto dalla mascherina e con passo veloce, si dirigeva verso la macchina, portando con sé un borsello. Lì lo aspettava il complice,.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

A quel punto I poliziotti li hanno fermati. I due avevano appena messo a segno una truffa col metodo del “falso incidente al figlio” ai danni di una donna che risiedeva nel condominio che avevano appena visitato. L’uomo che stava uscendo dall’abitazione della vittima è stato trovato con 10.200 in contanti che aveva appena ricevuto dalla donna. Gli agenti hanno così individuato immediatamente l’appartamento della vittima, una donna di 67 anni, e la hanno raggiunta.

Pubblicità

La poverina era ancora frastornata ed incredula su quanto accaduto. Ha confermato di essere stata contattata telefonicamente da un uomo che, dopo averla convinta di essere suo figlio, le aveva detto ripetutamente di aver bisogno di denaro per far fronte a dei problemi legali dovuti ad un incidente. La vittima era riuscita a mettere insieme velocemente 10.200 e li aveva consegnati all’uomo giunto a casa sua spacciandosi per un amico del figlio.

La donna è stata soccorsa e rincuorata dagli agenti della squadra mobile e dai suoi familiari, che sono stati immediatamente avvisati. Poco dopo ha presentato una querela agli uffici della Questura ed è tornata in possesso dell’intera somma estorta con l’inganno. I due arrestati sono due italiani, di 24 e 42 anni. Il 42enne ha dei precedenti per spaccio. Dopo il giudizio per direttissima disposto ieri dall’autorità giudiziaria sono ora costretti all’obbligo di dimora a Napoli, dove hanno la residenza, e hanno l’obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.