Stazione centraleMilano

Stazione Centrale. A processo il marocchino del raid di marzo

Il protagonista di una delle storie più terribili accadute in stazione Centrale negli ultimi mesi. sarà processato. La perizia psichiatrica cui è stato sottoposto lo ha dichiarato capace di intendere e volere. Lo scorso 6 marzo rapinò e ferì a coltellate 6 persone a caso, e fu poi arrestato dalla polizia. La difesa ha chiest per lui il rito abbreviato, che prevede uno sconto di pena.

Pubblicità

il 23enne marocchino viveva sotto il ponte Mortirolo, dove ha aggredito la sua prima vittima. Ha confessato di aver agito sotto l’effetto di alcool e di aver preso 5 pastiglie di Rivotril, un farmaco a base di benzodiazepine. Secondo la sua versione aveva iniziato ad usare droghe dopo il suo arrivo in Italia. Dice anche di aver una amnesia rispetto alle aggressioni e ai ferimenti e di non ricordare nulla.

Pubblicità

Nel 23enne è stato rilevato un lieve ritardo cognitivo. Si tratta di un modo scientifico e politicamente corretto per dire che non è molto furbo, che pensa davvero di cavarsela con poco e che non recepisce, pur essendo sano di mente, la gravità di quanto ha fatto. Non è un fatto raro in questa tipologia di persone.

Pubblicità

Anche l’amnesia è un metodo molto utilizzato dai rapinatori nordafricani che evitano in questo modo di essere considerati poco collaborativi e nel contempo di dare ai giudici, per sbaglio, informazioni di cui non erano a conoscenza. Non sempre funziona, perchè la città è sparsa di telecamere e spesso si dimostra che l’aggressore era pienamente consapevole di quello che faceva.

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.