VareseCronaca Lombardia

Arrestato ex marito molesto e violento, che ha spaventato un intero paese

Luino, Varese. Alcuni giorni fa un 40enne nordafricano con cittadinanza italiana è stato arrestato dai carabinieri che lo hanno sorpreso mentre si trovava vicino all’abitazione della ex moglie con alcuni arnesi. Era in palese violazione di un divieto di avvicinamento ottenuto dalla donna che lo aveva denunciato per atti persecutori. L’uomo non ha saputo dare una credibile spiegazione del possesso degli arnesi. E’ stato portato al carcere di Varese, dove rimane dopo che il tribunale di Varese ha convalidato l’arresto.

Pubblicità

La vicenda ha avuto iniziata qualche anno fa. La donna, che ora ha circa 60 anni, lo aveva lasciato, ma lui non aveva voluto farsi una ragione della fine della relazione. In un arco temporale ristretto aveva compiuto atti via via più molesti e violenti. Era spinto al risentimento anche per questioni economiche. Ha tentato di aggredirla verbalmente e fisicamente, la pedinava, effettuava costanti intrusioni nella sua vita privata, gli sono stati attribuiti anche vandalismi danneggiamenti contro i beni della donna. Gli episodi di violenza avvenivano anche in pubblico e avevano allarmato e spaventato anche amici e conoscenti della donna, che vive in un piccolo e tranquillo comune della provincia di Varese

Pubblicità

A seguito della denuncia della donna, i carabinieri di Luino hanno ottenuto dall’autorità giudiziaria un decreto di “divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla parte offesa”. Si tratta della misura cautelare introdotta dalla legge 19 luglio 2019, n. 69, insieme ad altre, nel codice di procedura penale con l’obiettivo “di assicurare la tutela delle vittime di violenza domestica e di genere”. Al momento l’uomo è in attesa del processo che chiarirà se è o meno colpevole, e in quale misura.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.