Stazione centraleMilano

Stazione Centrale. Attento che ti fregano la valigia

La stazione centrale di Milano ormai somiglia molto , a guardie e ladri, il film di Totò e Aldo Fabrizi. anche se molto meno simpatica a causa di terribile episodi di violenza che vi si verificano . Però non ci sono solo i borseggiatori e le borseggiatrici della metropolitana, gli spacciatori e i rapinatori. In stazione Centrale , a Milano, bisogna fare molto molta attenzione valigie e zaini perché spariscono in un attimo. Lo scorso 14 marzo gli agenti della polizia ferroviaria di Milano hanno arrestato un 32enne algerino, completamente irregolare sul territorio nazionale, chi si era appropriato di una delle valigie di una famiglia di turisti.

Pubblicità

I poliziotti che sorvegliano la stazione lo avevano notato subito perché si aggirava nella galleria delle carrozze osservando i bagagli dei viaggiatori in transito. Lo hanno visto accodarsi ad una famiglia, che aveva con sé diversi bagagli, che si stava dirigendo verso la biglietteria della Stazione. Quando i turisti hanno appoggiato a terra i bagagli si è avvicinato, mi ha velocemente preso uno e altrettanto velocemente si è allontanato.

Pubblicità

I poliziotti però lo avevano visto. Lo hanno bloccato e arrestato, accusandolo di furto aggravato dalla destrezza. Era ancora in possesso della valigia rubata che è stata immediatamente restituita alle vittime. E’ andata bene per i turisti, che hanno riavuto la valigia prima ancora di essersi accorti che era sparita, bene ai poliziotti, che hanno arrestato un nuovo ladro ancora, maluccio all’algerino che ha finito la sua carriera di ladro in una cella e data la sua condizione di completamente irregolare, arrestato in flagranza, processato per direttissima, a fine pena sarà rimpatriato in Algeria con l’assoluto divieto di fare ritorno in Italia. E’ infatti così che funziona la legge, in questi casi.


Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.