MilanoPorta Nuova

Aggredisce una donna. 21enne con ” virilità ” finisce a San Vittore

Il concetto di virilità cambia molto in base all’educazione e alla cultura, e alcune volte si misura anche in base all’alcool che uno decide, virilmente, di ingerire. Ieri notte, i Carabinieri della Stazione Moscova, a Milano, erano impegnati nei servizi straordinari nelle vie della movida, sono stati avvicinati da un gruppo di ragazzi in via Lazzaretto. Una di loro, una donna di 36 anni di Sesto San Giovanni, era stata aggredita e palpeggiata ripetutamente nelle parti intime, sopra i pantaloni. I suoi amici, sconvolti da quello che era accaduto , mentre l’uomo tentava di allontanarsi, hanno chiesto aiuto ad una delle pattuglie dei carabinieri che erano in strada. (

Pubblicità

I militari hanno subito raggiunto l’uomo e lo hanno identificato. Si trattava di un Etiope di 21 anni cui avevano controllato i documenti la stessa sera, poco prima dell’aggressione. Quando i carabinieri lo hanno fermato si è opposto alla perquisizione corporale. Ha detto che non voleva essere toccato da altri uomini e che aveva “dato prova della sua virilità” pur sapendo delle numerose pattuglie dei carabinieri nella zona.

Pubblicità

L’atteggiamento di sfida con cui ha pronunciato le sue tesi hanno convinto i carabinieri che si trattasse effettivamente del violentatore. Lo hanno arrestato per violenza sessuale e portato a San Vittore. Il 21enne e la sua virilità smaltiranno la sbornia in cella in attesa dell’udienza del Gup. (foto di repertorio)

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.