Prima Pagina

Sciopero Atm. I cobas buttano Milano nell’antro dei ricchi e stronzi

Brutta sorpresa questa mattina per i milanesi. Si sono svegliati con uno sciopero che ha chiuso 3 metropolitane ( la linea verde, la gialla e la rossa) su 5 e con i mezzi di superfice più che dimezzati, con l’impossibilita di utilizzare la propria auto diesel o vecchia. Quindi i poveri, quelli che fanno più fatica ad arrivare a fine mese, sono rimasti senza la possibilità di andare a lavorare e di muoversi. Mai come oggi Milano ha l’aspetto di una città disegnata e governata per i ricchi e stronzi.

Pubblicità

Gli orari dello sciopero

Lo sciopero dei dipendenti ATM potrebbe avere conseguenze sul servizio dalle le 8:30 alle 16:30 e dalle 19:30 a fine servizio.

Pubblicità

Le motivazioni dello sciopero

Sul sito di Atm si trovano le motivazioni per questo sciopero nazionale. Dó spazio alle motivazioni, non solo per rispettare il diritto di sciopero, ma anche per commentarle. Se avessero scioperato per ottenere il rinnovo del contratto di lavoro, o per un aumento e un adeguamento degli stipendi al reale costo della vita, oppure contro in rincaro del biglietto di Atm, avrebbero avuto tutto il mio sostegno, ma i Cobas ci hanno reso la vita difficile con le motivazioni qui di seguito. In fondo all’articolo c’è lo spazio per i commenti.

Pubblicità

Lo sciopero è stato proclamato per “la cancellazione degli aumenti delle tariffe dei servizi e energia, congelamento e calmiere dei prezzi di beni primari e combustibili; blocco delle spese militari e dell’invio di armi in Ucraina, nonché investimenti economici per tutti i servizi pubblici essenziali; il superamento dei penalizzanti salari d’ingresso garantendo l’applicazione contrattuale di primo e secondo livello ai neo assunti;

La necessità di modificare il criterio che vede bruciare soldi pubblici attraverso appalti e subappalti ad aziende che offrono servizi di scarsa qualità e lavoro sottopagato; la sicurezza dei lavoratori e del servizio, introduzione del reato di omicidio sul lavoro; il salario minimo a 10 euro l’ora contro la pratica dei contratti atipici e precariato; il libero esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali; una legge sulla rappresentanza che superi il monopolio costruito sulle complicità tra le OO.SS e le associazioni datoriali di categoria.”

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.