CornaredoMilano città metropolitana

Violenza sessuale a Cornaredo. Un arresto (Video)

È successo lo scorso 7 gennaio nel parcheggio di un supermercato di Cornaredo. Erano le prime ore del mattino quando una giovane di 28 anni, italiana stava recandosi al lavoro in bicicletta. Quando ha raggiunto il parcheggio è stata improvvisamente aggredita alle spalle e scaraventata a terra da un uomo. Lui le ha coperto la bocca con una mano per evitare che urlasse e schiacciandole la testa per terra le aveva abbassato i pantaloni palpeggiandola. Poi forse per la resistenza della ragazza o forse per il timore dell’arrivo di qualcuno, aveva desistito ed era fuggito.

Pubblicità

I carabinieri di Cornaredo hanno immediatamente iniziato le indagini. Hanno analizzato i filmati delle telecamere di videosorveglianza, esaminato incrociando le risultanze di diverse banche dati e poi ha ascoltato alcuni testimoni. In questo modo hanno ricostruito i fatti l’uomo, bordo della propria automobile, aveva seguito la donna nel suo tragitto da casa fino al luogo di lavoro, per poi aggredirla alle spalle del parcheggio approfittando di una sua breve sosta. Subito dopo si era dileguato.

Pubblicità

Il video

Durante le indagini i carabinieri hanno anche ritrovato la felpa che l’uomo indossava al momento della violenza. E con il cui cappuccio si era coperto la testa mentre fuggiva a bordo della sua auto. Raccolte le prove nel proverbio nel pomeriggio del 4 febbraio a Cornaredo i carabinieri hanno arrestato un 35enne dell’Ecuador, incensurato e ritenuto gravemente indiziato di per parlare bene violenza sessuale aggravata. La richiesta di arresto è scaturita in esecuzione dell’e’ ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Giudice delle indagini preliminari del tribunale di Milano su richiesta della procura di Milano.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.