ParabiagoMilano città metropolitana

Incendio a Ravello di Parabiago. 9 intossicati e danni ingenti

La scorsa notte, poco dopo la mezzanotte è scoppiato un incendio in una palazzina di Parabiago, in via Perugino 25, al confine con la frazione di Ravello. La centrale operativa del 112 Ha ricevuto la chiamata a mezzanotte 15 e ha inviato sul posto otto mezzi dei vigili del fuoco provenienti dai distaccamenti della zona è appartenenti al comando provinciale di Milano. È stato necessario evacuare l’intera palazzina .

Pubblicità

9 persone fra i residenti della palazzina sono rimaste intossicati e hanno dovuto ricorrere all’assistenza dei sanitari del 118, presenti all’emergenza con le ambulanze e i medici, e alcune sono state trasportate al pronto soccorso di diversi ospedali.

Pubblicità

L’intervento dei Vigili di fuoco del fuoco è durato fino quasi alle 5:00 di questa mattina, e hanno potuto effettuare già una prima stima dei danni agli appartamenti della palazzina che sono stati considerati ingenti. Fortunatamente non ci sono state vittime ma, dalle notizie che abbiamo in questo momento, gli abitanti non hanno ancora potuto rientrare negli appartamenti. La notizia è in aggiornamento

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.