Cinisello BalsamoMilano città metropolitana

Cinisello Balsamo. Crocetta sotto osservazione

Crocetta di Cinisello Balsamo è descritto come un quadrilatero ad alta densità abitativa, 6 volte in più rispetto al resto della cittadina, in cui 2000 dei 5000 residenti sono stranieri. Costruito tra gli anni sessanta e gli anni Settanta fra l’Autostrada A4 Milano-Venezia, viale Fulvio Testi- S.S. 36 e via Stalingrado è di fatto separato del resto di Cinisello. Da ieri pomeriggio i Carabinieri della stazione di Cinisello Balsamo e la polizia locale stanno effettuando un’operazione di controllo del territorio a largo raggio.

Pubblicità

L’operazione si è concentrata soprattutto su un’ immobile di via Grandi, che avrebbe dovuto essere destinato ad attività commerciali. Invece era diventato un rifugio per clandestini. I Carabinieri e gli agenti ci hanno trovato 7 persone che ci vivevano, tutti i giovani nordafricani fra i 21 e i 35 anni, senza permesso di soggiorno.

Pubblicità

È stato controllato anche un sottoscala di via Friuli. Qui c’erano alcuni locali di proprietà di un uomo italiano chi li aveva affittati a degli stranieri regolari, che li usavano come abitazione. Attualmente le forze dell’ordine stanno effettuando degli accertamenti su possibili violazioni penali in materia edilizia. Difficilmente un sottoscala ha le specifiche per poter essere usato come abitazione senza che si creino irregolarità e dei pericoli.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.