San Donato MilaneseMilano città metropolitana

Medico aggredito con il machete nel parcheggio dell’ospedale

San Donato milanese. Questa mattina, alle 10 circa, nel parcheggio della clinica cardiologica Policlinico San Donato, un medico del Pronto soccorso, Giorgio Falcetto, 76anni, è stato aggredito e ferito alla testa con un machete da un uomo, durante una discussione probabilmente per motivi di viabilità.

Pubblicità

Il parcheggio dell'ospedale di San Donato Milanese. Luogo dell'aggressione con il machete e del ferimento del medico
il parcheggio dell’aggressione

Il medico è stato immediatamente soccorso e trasportato in codice rosso all’ospedale San Raffaele di Milano per essere operato dagli specialisti in neurochirurgia. È in pericolo di vita.

Pubblicità

In piazza Malan, sul posto dell’aggressione, sono intervenuti i carabinieri della compagnia di San Donato milanese che hanno effettuato una prima ricostruzione dei fatti. Aperta la caccia all’aggressore che è fuggito subito dopo il fatto.

Pubblicità

Arrestato nel pomeriggio un 62enne a Rozzano

I carabinieri, a Rozzano nel primo pomeriggio, hanno fermato un pregiudicato di 62anni, mentre stava salendo sulla sua auto. È gravemente indiziato di essere l’.’uomo che ha colpito il medico con un machete. Attualmente le forze dell’ordine sono alla ricerca dell’arma usata nell’aggressione.

Il 14 dicembre i carabinieri hanno ritrovato l’arma del delitto

Giorgio Falcetto

Nella serata del 14dicembre, il medico Giorgio Falcetto è purtroppo deceduto in conseguenza ai colpi di scure con cui lo ha colpito Benedetto Bifronte, 62 anni, residente a Rozzano, ma originario di Messina. L’uomo ha ammesso di essere il responsabile dell’aggressione, avvenuta, a quanto pare, a seguito di una lite conseguente ad un incedente stradale, avvenuto nel parcheggio del Pronto Soccorso dell’Ospedale di San Donato milanese. Il medico lascia 5 figli.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.