Rapina ad Arconate. Si cerca il colpevole

Sono ancora in corso le indagini per identificare l’uomo che , lo scorso 2 dicembre, ha rapinato una tabaccheria di Arconate. La tabaccheria si trova in piazza Libertà e il 2 dicembre un uomo è entrato nel negozio armato di una pistola e si è fatto consegnare 200 euro.

Pubblicità

Non si sa ancora se la pistola era vera oppure si trattava di una scacciacani cui è stato tolto il tappo rosso di riconoscimento. Generalmente è più facile la seconda ipotesi a causa del tipo di rapina che indica che il personaggio non era alla ricerca del colpo grosso. Si tratta delle cose che fanno di solito i tossicodipendenti che non si muovono molto dalla zona in cui vivono.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Se i carabinieri della compagnia di Legnano, competenti per zona, non lo hanno ancora identificato è dovuto sicuramente solo ad una serie di circostanze che potrebbero essersi verificate. Ad esempio potrebbero esserci state poche telecamere in zona, la mascheratura del viso, di solito una mascherina chirurgica e un cappellino calato sugli occhi, potrebbero non aver permesso di identificare immediatamente il personaggio, potrebbe essere fuggito a piedi e per un breve tratto, nascondendosi nelle vicinanze e così non si conosce neppure un pezzetto della targa dell’auto.

Oppure i carabinieri sanno già chi è ma lo devono trovare fisicamente. Al giorno d’oggi è difficilissimo che una rapina diventi un caso insoluto, persino nei paesi di provincia. Alle volte ci vuole un po’ più di tempo per raccogliere le prove, ma la rapina a negozi e banche è diventato il peggior affare che un malvivente può fare.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Commenta qui