Croce Azzurra Abbiategrasso. Corso gratuito per i soccorritori del 118

Il volantino della Croce Azzurra di Abbiategrasso è chiaro. Senza i volontari l’ambulanza resta ferma. Ce ne è un grande bisogno. in tutte le associazioni di primo soccorso e di difesa. Sono volontari particolari, perchè la loro formazione è identica a quella dei professionisti ed è identica anche la responsabilità. La passione, invece è grande, perchè si è disposti a fare questi servizi di primaria necessità mettendo a disposizione il proprio tempo libero dopo il lavoro. Ecco che ad Abbiategrasso la Croce Azzurra, che è presente in città fin dal 1976, ha organizzato un corso di abilitazione per i soccorritori e volontari completamente gratuito.

Pubblicità

Creatilab

La Croce Azzurra Abbiategrasso, con i propri volontari, effettua il servizio di emergenza/urgenza in convenzione con Areu, e su coordinamento della centrale operativa del 112. Si occupa poi anche di assistenza ad eventi e manifestazioni e di effettuare servizi secondari, come i trasporti da e per strutture ospedaliere e per le dimissioni assistite dagli ospedali. Per maggiori informazioni chiamare il numero 029466777.

Pubblicità

Barbara Contini candidata elezioni regionali della Lombardia 2023 per la Lega Nord

Il corso per soccorritori della Croce Azzurra

Il nuovo corso per soccorritori inizia il prossimo inizia 16 ottobre. Ci saranno due moduli. Il primo è di 46 ore ed è composto da 18 lezioni. Abilita ai servizi secondari di trasporto da e verso strutture sanitarie. Il secondo modulo è di 78 ore, composto da 30 lezioni, e, dopo aver superato l’esame effettuato alla centrale operativa di Areu, abilità alla qualifica di soccorritore/esecutore, indispensabile per salire in ambulanza ed effettuare i servizi di emergenza/urgenza.
L’età minima per iscriversi al corso è di 18 anni, la massima 71 anni, per quanto riguarda i servizi di emergenza/urgenza. Per i servizi sanitari secodnari invece l’età sale a 75 anni.

In ambulanza

Le squadre sono formate da volontari di diversa età, che si abituano a lavorare coordinandosi e offrendo tutta la gamma della loro esperienza di vita. E’ un tipo di volontariato in cui si mette in gioco tutta la prorpia esperienza, oltre alle nozioni che si imparano durante il corso.
Terminato con successo l’esame finale ed ottenuto il diploma di soccorritore, inizia l’iter vero e proprio in ambulanza. Si parte dalla qualifica di allievo, per poi diventare soccorritore effettivo, capo servizio ed autista di ambulanza.

Pubblicità

I turni sono divisi in squadre e comunque a seconda delle proprie disponibilità di tempo e orari, che vengono concordate preventivamente all’atto dell’iscrizione.
Per ultimo ma non per importanza, è il servizio di centralino, che riceve le varie chiamate e le passa alla squadra di turno, oltre a mantenere costantemente i contatti con l’equipaggio e la centrale operativa del NUE 112.

Commenta qui