Rischiare di morire a 20 anni per una sbornia

La notizia di cronaca è breve. Questa notte, verso la una, nel piazzale della stazione di Porta Genova, un giovane di 20 anni si è tirato nero per una sbornia, si è cioè ubriacato oltre ogni misura e si è sentito male. Grazie al cielo qualcuno ha chiamato il 112 e sono arrivati a soccorrerlo un’auto medica dell’ATT di Milano e un ambulanza con i soccorritori del 118.

Pubblicità

Creatilab

Il giovane aveva bevuto così tanto alcool che i sanitari hanno dovuto portarlo in ospedale, al Pronto soccorso del San Paolo, in codice Giallo. La fretta è necessaria? Si, per poter fare la lavanda gastrica prima che assorbisse così tanto alcool da distruggergli completamente le cellule del cervello. Il coma etilico è una conseguenza delle ubriacature che è altamente sottovalutata dai giovani, e anche dai meno giovani, ma che è estremamente pericoloso e può portare velocemente alla morte.

Pubblicità

Culture digitali

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui