Risultati de 5 referendum. Nessuno raggiunge il quorum di votanti

Nessuno dei cinque referendum abrogativi sul sistema giudiziario italiano ha raggiunto il minimo di quorum per poter essere valido, cioè il 50% degli aventi diritto al voto. E’ andato a votare il 21% della popolazione, precisamente il 20,94%, italiana. Ci sono però delle differenze sostanziali fra regione e regione. Il conteggio delle schede non è ancora completamente chiuso e quindi i dati diffusi sono ancora, anche se in minima parte parziali.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Un’osservazione che si può fare a proposito dei cinque quesiti è che quando la percentuale di votanti cambia molto da un referendum all’altro, significa che in quella zona le persone hanno una consapevolezza di voto maggiore che da altre parti, in quanto alcuni hanno scelto di ritirare alcune schede e di astenersi su altre. Il referendum abrogativo ha infatti la particolarità che, a causa della presenza del quorum, l’astensione ha valore di voto. Conta cioè come un no, anche se l’uso consapevole di questa particolarità si somma alla mancanza di interesse o di informazione per i quesiti referendari.

Pubblicità

Le regioni

In Lombardia il numero di votanti è stato più alto della media nazionale, e ha raggiunto il 21,88 %. Sono numeri piccoli da misurare con le percentuali ma a fine conteggio non dovrebbe scostarsi di molto. Più alta la Liguria, in cui i votanti sono stati il 28%. Genova ha innalzato la media: nella sua provincia ha votato il 33% degli aventi diritto al voto. Il record negativo lo ha raggiunto il Molise, in cui è andato a votare solo il 13,98% della popolazione.

In Lombardia e nei suoi comuni

L’affluenza al voto più alta si è registrata in provincia di Lodi, con il 26,49 %. Quella più bassa in provincia di Sondrio, che è stata del 17,43%. Poche le differenze di voti e di percentuali fra un referendum e l’altro. Naturalmente l’affluenza è stata maggiore nei comuni in cui si andava al voto per il sindaco, ma nella provincia di Milano spicca il comune di Magenta in cui il quorum è stato superato e i votanti al referendum sono stati il 51,43% degli aventi diritto.

Pubblicità

I comuni che sono andati a votare anche per le elezioni amministrative e che hanno superato la soglia del 50 % +1 dei votanti sono parecchi, fra questi spicca Mezzana Rabattone, in provincia di Pavia, che ha raggiunto l’87,69% dei votanti. Ossona, il comune di nascita del nostro giornale, che non andava al voto per le elezioni amministrative, si è difesa bene. Ha votato il 21% degli aventi diritto. A Milano, invece, anche se è il centro della città metropolitana, il senso civico ha fatto cilecca: ha votato solo il 16,20% dei aventi diritto al voto.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui