GallarateseMilanoMilano città metropolitana

Maxi rissa fra gli abitanti di via Bolla, Milano. 6 in ospedale

Ieri sera, venerdì 10 giugno, verso le 21:30, per motivi che sono ancora in via di accertamento, dei residenti di via Bolla 40, a Milano, e altri occupanti delle case popolari Aler della via, in tutto circa una sessantina di persone, si sono riversati per strada e hanno dato vita a una maxi rissa, in cui sono stati utilizzati anche nei bastoni.

Pubblicità

L’allarme è arrivato al nue 112 e la Polizia di Stato è intervenuta inizialmente con una decina di volanti, cioè circa 30 agenti, raggiunti poi da 5 squadre del reparto mobile a disposizione di un dirigente della Questura. Poliziotti sono riusciti a riportare la calma verso le 23:20.

Pubblicità

la scala Rho b&b

In via Bolla sono arrivate anche diverse ambulanze e un’automedica che hanno soccorso alcune delle persone che sono state ferite durante la rissa. Alcuni sono stati medicati sul posto mentre sei persone. 3 uomini romeni, una donna, un bambino di 2 anni, e un ragazzo di 17 anni sono stati trasportati in codice giallo al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Carlo di Milano.

Pubblicità

La prima volta che capitano fatti del genere. La difficile convivenza fra gruppi che vivono in via Bolla 40 e nei dintorni è conosciuta da tempo e le risse fra i nomadi che hanno occupato le case popolari abusivamente sono quasi all’ordine del giorno.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.