MilanoMilano città metropolitanaPortello

Furto con la tecnica della gomma bucata (Video)

Milano. Depredavano le auto in sosta con al tecnica della gomma bucata. Gli agenti della seconda sezione criminalità straniera della squadra mobile Milanese erano da alcuni giorni sulle tracce di due persone che, in via Traiano nella zona del Portello, derubavano gli automobilisti intenti a cambiare i pneumatici della loro auto, dopo che era stati tagliati con un coltello.

Pubblicità

Le telecamere di un circuito di videosorveglianza di uno stabile di via Traiano avevano ripreso la sequenza delle frasi di uno dei furti. Si vedevano due uomini che, dopo aver tranciato con un coltello la gomma di un veicolo, avevano atteso che arrivasse il proprietario e si mettesse a cambiare la gomma. Quindi mentre la vittima era intenta nell’operazione, i 2 uomini avevano rubato dall’auto un notebook è un trolley.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Dopo diverse denunce di furti simili, i poliziotti si sono appostati nella zona ad attendere i due ladri, che sono infatti tornati in azione lunedì, ancora in via Traiano. Rapidamente i due uomini hanno tagliato le gomme di due auto in sosta, Poi si sono messi in attesa. I poliziotti li hanno fermati e accompagnati in questura per procedere alla loro identificazione.

Pubblicità

Si tratta di due algerini, di 43 e 47 anni, irregolari ed entrambi pluripregiudicati. Erano stati beccati altre volte a commettere furti sulle auto in sosta con la stessa tecnica. Il 47enne inoltre aveva anche altri altarini da nascondere. I fatti e risultato essere censito nella banca dati della Polizia di Stato con 41 identità differenti.

Dopo le procedure di identificazione e le denunce i due sono stati presi in carico dal ufficio immigrazione della Questura di Milano e accompagnate al CPR di Torino in attesa del rimpatrio in Algeria, paese in cui speriamo passi il resto della loro vita.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.