MilanoMilano città metropolitanaStazione centrale

Nordafricani lo accerchiano per rubargli le smartphone

Milano, erano le 23:30 circa di ieri sera quando un gruppo i giovani nordafricani ha accerchiato un 28enne di Milano e dopo averlo spintonato e strattonato gli hanno rubato lo smartphone. Sul posto sono Accorsi i carabinieri del nucleo radiomobile durante la perlustrazione della zona hanno individuato, in via Lepetit, due persone che stavano picchiandosi di santa ragione. Una di queste corrispondeva alla descrizione data dal ventottenne.

Pubblicità

Con fatica i carabinieri hanno diviso i due litiganti e uno di 2, il giovane marocchino descritto ha iniziato a dare di matto. Ha raccolto da terra un pezzo di bottiglia e minacciava i militari e le persone che si trovavano nelle vicinanze. A tagliarsi da solo ferendosi al petto e alle braccia infine ha tentato di fuggire a piedi.

Pubblicità

I carabinieri lo hanno però preso è bloccato foto Quindi con un’ambulanza del 118 stato trasportato, in codice verde al Pronto Soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli. Qui dopo le cure lo hanno dimesso con 5 giorni di prognosi per ferite lacero contuse al petto e alle braccia. Si tratta di un diciassettenne del Marocco, Italia senza fissa dimora e con precedenti di polizia. È stato denunciato in stato di libertà per rapina in concorso, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.