Incendio in via della Spiga. E’ morto Tommaso Renoldi Bracco

È scoppiato un incendio in un appartamento al secondo piano di uno dei palazzi di via della Spiga, nel pieno centro di Milano. Sul posto sono già giunti i soccorsi. C’è un ferito grave.

Pubblicità

Carabinieri, Vigili del Fuoco, personale del 118 stanno lavorando per riuscire a spegnere l’incendio e garantire la sicurezza della zona e delle persone. Lavorando insieme le tre forze, ognuna con il suo compito, sono riuscite a salvare la vita dell’uomo che era nell’appartamento. La vittima è Tommaso Renoldi Bracco, di 52 anni, un componente della famiglia Bracco, noti imprenditori nel campo della salute, E’ rimasto intossicato all’interno dell’appartamento. Si trovava in camera da letto. E’ appena stato trasportato in codice rosso al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Niguarda.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

  • incendio,Tommaso Renoldi Bracco. Incendio in via della Spiga. E' morto Tommaso Renoldi Bracco - 11/03/2022
  • incendio,Tommaso Renoldi Bracco. Incendio in via della Spiga. E' morto Tommaso Renoldi Bracco - 11/03/2022
  • incendio,Tommaso Renoldi Bracco. Incendio in via della Spiga. E' morto Tommaso Renoldi Bracco - 11/03/2022

I vigili del fuoco hanno fatto sapere che non sono ancora note le cause dell’incendio. Il gruppo Bracco si occupa di farmaceutica, impianti medicali e i servizi alla salute., soprattutto per poliambulatori del CDI, Centro diagnostico italiano. Tommaso Renoldi Bracco era membro del consiglio di amministrazione e nipote della presidente Diana Bracco.

13 marzo

La conclusione è purtroppo tragica. Questa sera, l’Ospedale Niguarda ha comunicato il decesso di Tommaso Renoldi Bracco. L’uomo era ricoverato nel reparto di terapia intensiva a seguito di intossicazione da fumo ed ustioni dallo scorso venerdì 11 marzo. Non è riuscito a riprendersi. Durante l’incendio dell’appartamento il cuoco e la domestica erano stati messi in salvo, ma quando vigili del fuoco erano riusciti a raggiungere l’uomo in camera da letto, aveva già inalato troppo fumo.

Pubblicità

impara a cambiare

Commenta qui