Capodanno a Milano. Uno scenario di guerra nonostante il divieto di usare botti e fuochi d’artificio

Milano. Il capodanno del 2021 in città è stato infernale. I vigili del Fuoco del comando provinciale di via Messina hanno effettuato 97 interventi, tra le 20 del 31 dicembre 2021 alle 6 del 1 gennaio. Fra questi c’è stato l’incendio di un appartamento, 13 incendi tra balconi e terrazze, 3 incidenti stradali che hanno avuto bisogno dell’intervento dei vigili del fuoco, 14 incendi di cassonetti dell’immondizia e 12 altri interventi per problemi causati dall’uso dei fuochi d’artificio.

Pubblicità

Villa Carla. Residenza per Anziani

Fuochi d’artificio in piazza Duomo

Poco dopo le ore 22.30 di ieri sera, in piazza Duomo, la polizia di stato con l’aiuto della sezione artificieri ha sequestrato circa 1,5kg di artifizi pirotecnici di libera vendita. Il sequestro è stato a carico di ignoti. Probabilmente chi li aveva depositati intendeva venderli durante la serata.

Pubblicità

Spari in via Paolo Sarpi

Non è il capodanno cinese ma sembra che anche i cinesi abbiano voluto partecipare. Nella chinatown milanese, in via Paolo Sarpi, qualcuno ha esploso dei colpi di pistola.

I feriti alle mani

Alla 1, 20 del mattino un giovane di 23 anni è stato dimesso dal pronto Soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli in cui si era recato da solo dopo essersi ferito maneggiando delle pistole scacciacani. Lo hanno dimesso, dopo averlo curato, con 10 giorni di prognosi per la guarigione alla mano sinistra.

Pubblicità

Stessa sorte per il 72enne di Milano che è stato dimesso alla 1.05 dallo stesso pronto soccorso con 20 giorni di prognosi. Anche in questo caso, si è scottato la mano sinistra utilizzando una pistola scacciacani.

Poco prima della una, in via Cusago, un 48enne milanese, è stato colpito da un fuoco pirotecnico. E’ rimasto ferito alla mano sinistra. E’ stato dimesso dal prontosoccorso dell’aospedale San Carlo con una prognosi di guarigione di 20 giorni.

Pubblicità

Altro ferito alla mano, stavolta quella destra, è un 48enne filippino che, alle 03.20, è stato colpito durante l’esplosione di un petardo lanciato da altri. E’ andato al pronto soccorso dell’ ospedale policlinico, da cui lo hanno poi dimesso, dopo le cure, con un prognosi di 20 giorni.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui