Record. Donna incinta condannata a 57 anni per furti. Non andrà in prigione

Milano. Una donna croata di 33 anni è stata scoperta, per l’ennesima volta, in fragranza mente usciva da un appartamento di via Giambellino con delle borse di plastica riempite di vestiti, una collana d’oro, attrezzi da scasso e il nottolino della porta scassinata. Con sè aveva la figlia di 9 anni.

Pubblicità

Creatilab

Arrestata e portata in caserma per l’identificazione si è scoperto che aveva a suo carico un accumulo condanne per 57 anni. Il provvedimento era stato emesso dal tribunale di Genova per il cumulo delle pene relative a 18 furti per i quali era stata condannata. Il tribunale di Milano ha poi scontato, con un altro provvedimento, la pena a 30 anni.

Pubblicità

30 anni sono sempre molti, anche se non sono più 57. Peró non li sconterà lo stesso perché è incinta, al settimo mese, del nono figlio. È uno di quei casi in cui non si riesce ad eseguire la condanna perchè non esiste una struttura che possa accoglierla e neppure un’altra che possa accogliere gli 8 bambini.

Aveva un cumulo pene per 57 anni ridotto poi a 30 anni

In questo momento vivono in un camper (non in un campo nomadi) in giro per la città. Difficile immaginare che quei bambini vadano a scuola, ma magari si. Di fatto ala situazione attuale è probabile che la donna sia inviata agli arresti domiciliari, con presso di uscire per prendersi cura dei bambini in quello stesso camper, lasciata perciò libera di rubare ancora e di insegnare il “mestiere” ai figli. Era già stata arrestata, nelle stesse condizioni, lo scorso ottobre.

Pubblicità

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui